mercoledi` 17 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.02.2024 France Insoumise, partito di estrema sinistra pro Hamas
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 01 febbraio 2024
Pagina: 3
Autore: Editoriale
Titolo: «France insoumise, partito non grato»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/02/2024, a pag. 3, l'editoriale dal titolo "France insoumise, partito non grato".

France Insoumise
France Insoumise: il partito di estrema sinistra francese si rifiuta di definire Hamas un'organizzazione terrorista
Jean-Luc Mélenchon
Jean-Luc Mélenchon ha preso il 22% dei voti alle presidenziali del 2022. Povera Francia.

Il prossimo 7 febbraio, nel cortile degli Invalides a Parigi, si terrà un omaggio nazionale in onore delle vittime del massacro perpetrato da Hamas lo scorso 7 ottobre. Un omaggio fortemente voluto dal presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, per manifestare la vicinanza della République a Israele, ma anche alla comunità ebraica in Francia. L’inquilino dell’Eliseo ha invitato tutte le forze politiche e i rappresentanti istituzionali alla cerimonia, ma le famiglie di alcune vittime franco-israeliane chiedono che la France insoumise (Lfi), il partito della sinistra radicale guidato da Jean-Luc Mélenchon, venga escluso. “Noi, famiglie delle vittime dei terroristi di Hamas, chiediamo solennemente che alla France insoumise sia vietata la partecipazione all’omaggio nazionale che sarà reso alle 42 vittime franco-israeliane del 7/10”, hanno scritto cinque famiglie, sostenute dal collettivo No Silence, in una lettera inviata all’Eliseo. “Tra indecenza, mancanza di rispetto, relativismo e negazionismo, la France insoumise e i suoi portavoce hanno fatto commenti estremamente gravi dopo il pogrom del 7 ottobre”, hanno aggiunto. Mélenchon e compagni si sono sempre rifiutati di qualificare Hamas come un’organizzazione terroristica, lasciando intendere che Israele se l’è cercata. Lo scorso 23 gennaio, la capogruppo dei deputati Lfi, Mathilde Panot, ha annunciato che avrebbe partecipato alla cerimonia: “Ho chiesto che venga reso omaggio a tutte le vittime francesi di questa guerra in medio oriente”. Ma la sua presenza, secondo le famiglie, “costituirebbe un insulto alla memoria delle vittime”, perché il partito mélenchonista “ha una responsabilità molto pesante nell’esplosione della giudeofobia nel nostro paese ed è definitivamente marchiato con il sigillo dell’infamia”. Olivier, cugino della famiglia Dan-Kalderon (due membri sono stati uccisi durante l’attacco e altri tre presi in ostaggio), ha implorato sul Parisien il presidente Macron: “Non vogliamo che Lfi disonori le vittime del 7 ottobre”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT