lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
06.12.2023 Non lasciare sole né Ucraina né Taiwan
Analisi di Priscilla Ruggiero

Testata: Il Foglio
Data: 06 dicembre 2023
Pagina: 6
Autore: Priscilla Ruggiero
Titolo: «L’appello del ministro degli Esteri di Taipei all’Europa: difendere Taiwan serve a tutti»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 06/12/2023, a pag. 6, con il titolo "L’appello del ministro degli Esteri di Taipei all’Europa: difendere Taiwan serve a tutti", l'analisi di Priscilla Ruggiero.


Priscilla Ruggiero - Premio Roberto Morrione per il giornalismo  investigativo
Priscilla Ruggiero

Joseph Wu - Wikipedia
Joseph Wu

Taipei. “Quando i leader europei incontreranno quelli cinesi, dovranno tenere in considerazione Taiwan”: così il ministro degli Esteri di Taipei, Joseph Wu, durante un incontro con i giornalisti nella capitale taiwanese, sottolinea le minacce cinesi verso Taipei e i rischi per Bruxelles nel caso in cui venissero meno la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan, “indispensabili per la sicurezza e la prosperità globale”. Rispondendo a una domanda del Foglio, Wu dice di auspicare che von der Leyen e Michel “possano sollevare la questione di Taiwan, affermando l’importanza della pace nello Stretto e che l’Ue si opporrà a qualsiasi modifica unilaterale dello status quo attraverso lo Stretto con la forza o la coercizione” della Cina.

Un messaggio simile, forte e chiaro da parte dell’Ue, rappresenterebbe secondo il ministro degli Esteri taiwanese “un deterrente molto forte” per la Repubblica popolare cinese. Wu chiede sostegno da parte della comunità internazionale, fintanto che uno spazio tra i loro membri gli sarà negato, e racconta quanto sia difficile per l’isola non poter essere parte attiva nelle organizzazioni internazionali. Ricorda tutte le volte in cui l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) si è rifiutata di inviare aiuti, e di quando invece ne inviò istruendo i quattro esperti a non mettersi in alcun contatto con i funzionari taiwanesi. Questi sono alcuni dei motivi per cui l’ingresso di Taipei nell’Oms “in questo momento è un punto fondamentale del sostegno europeo a Taiwan” – non solo nell’Oms ma anche in altre organizzazioni internazionali come la Convezione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e l’Interpol.

Secondo Joseph Wu l’Unione europea dovrebbe prendere a esempio la guerra in Ucraina anche nei suoi rapporti con Taiwan: “A causa di ciò che è accaduto in Ucraina, penso che il popolo taiwanese sia più determinato che mai a difendere la nostra libertà e sovranità. E gli ucraini ci stanno dando ispirazione: se gli ucraini sono in grado di dimostrare il loro coraggio, la loro audacia e la loro determinazione, anche i taiwanesi dovrebbero fare lo stesso”. Per questo “il sostegno internazionale è assolutamente fondamentale: permette agli ucraini di sentire che non sono soli a combattere contro la Russia. E vogliamo imparare da loro in modo che anche il popolo taiwanese non si senta solo nell’affrontare la minaccia militare cinese, la coercizione economica e la guerra ibrida”.

Wu dice che Taipei ha imparato da Kyiv la lezione sulla “guerra asimmetrica” e di stare studiando nuove strategie di deterrenza, non solo militare, ma anche nei confronti della campagna di disinformazione cinese che lavora “per erodere la democrazia di Taiwan”. “In questo momento siamo nel bel mezzo delle elezioni e la Cina sta approfittando di una società molto aperta come quella taiwanese, per diffondere false narrazioni di propaganda russa o cinese, per scuotere le menti della popolazione e far credere che gli Stati Uniti non verranno in aiuto di Taiwan, o che la Cina sia così potente da non dover pensare a nessun tipo di soluzione”. E’ per questo che, dice Wu, qualsiasi tipo di sostegno nei confronti di Taiwan, “sia che provenga dai vertici bilaterali sia dai summit o dai G7, è molto rassicurante per il governo e il popolo taiwanese, ci dice: non siete soli”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante.


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT