giovedi` 22 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
30.11.2023 Israele contro ONU
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 30 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Israele contro ONU»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 30/11/2023, a pag.1 con il titolo "Israele contro ONU" il commento di Giulio Meotti

Giulio Meotti
Giulio Meotti

Palazzo di vetro del Segretariato delle Nazioni Unite - Wikipedia
Il palazzo dell'Onu


Contenuti Israele prova a sfondare il muro di gomma dell’Onu sugli stupri di Hamas. Non una di meno Roma. “Una donna è stata violentata circondata dagli amici morti. A un’altra è stato tagliato il seno e i terroristi ci hanno giocato. Una sopravvissuta all’Olocausto ha visto sua nipote violentata e uccisa. Una ragazza di quattordici anni è stata trovata con le gambe aperte e lo sperma sulla schiena. Le avevano sparato in testa. Alla maggior parte delle donne è stato sparato più volte alla testa. Alcuni corpi erano così gravemente danneggiati che dopo tre giorni il sangue continuava a gocciolare. Hanno mutilato i genitali di diverse donne”. L’indagine dell’unità investigativa israeliana Lahav 443 sui casi di violenza sessuale di massa da parte dei terroristi di Hamas riguarda accuse che vanno dallo stupro di gruppo alla mutilazione post mortem. Esther è stata violentata sotto lo sguardo del fidanzato, costretto ad assistere con un coltello puntato alla gola. “E’ stato così doloroso che ho perso conoscenza, si sono fermati quando pensavano che fossi morta”, ha detto Esther al Parisien. I terroristi di Hamas hanno mutilato la giovane con un coltello e con una scheggia di vetro, provocandole una paralisi irreversibile alle gambe. “Dentro sono mezzo morta”. Ma le più importanti organizzazioni femminili all’interno delle Nazioni Unite non sono riuscite a dire niente. Il comitato della Convenzione delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione contro le donne (Cedaw) ha parlato in modo amorfico e generico delle “questioni di genere nel conflitto”. “Il silenzio della comunità internazionale per i diritti umani e le donne è assordante”, ha detto al Daily Beast la professoressa Ruth Halperin-Kaddari, già vicepresidente del Cedaw. “Il tradimento non riguarda soltanto le vittime di abusi sessuali, ma l’integrità stessa delle istituzioni”. Silenzio anche da parte di UN Women, l’organismo delle Nazioni Unite responsabile della promozione e dell’emancipazione delle donne in tutto il mondo. Così, in occasione della Giornata internazionale delle Nazioni Unite per l’eliminazione della violenza contro le donne, Israele ha lanciato una campagna internazionale di sensibilizzazione sulla tragedia delle donne che sono state vittime di stupri, violenze sessuali, linciaggi, rapimenti e omicidi a opera dei terroristi palestinesi durante la carneficina perpetrata in Israele lo scorso 7 ottobre. All’insegna dei messaggi “Niente scuse” e “Credere alle donne israeliane”, la campagna durerà due settimane. Lunedì Israele ha tenuto un incontro alle Nazioni Unite a Ginevra per sensibilizzare sulla violenza sessuale contro le donne perpetrata durante gli attacchi del 7 ottobre. L’evento privato, a cui hanno partecipato diplomatici, gruppi per i diritti umani e agenzie delle Nazioni Unite, è il primo organizzato da Israele fuori dal paese sugli atti di violenza sessuale da parte di Hamas e si è svolto in quella Versailles diplomatica che è il Palais des Nations. Halperin-Kaddari è intervenuta all’evento: “Ci aspettavamo una dichiarazione chiara e forte che affermasse che non esiste alcuna giustificazione per l’uso dei corpi delle donne come arma di guerra. Fino a ora non è successo nulla di tutto questo”. Quando le è stato chiesto di spiegare perché, l’accademica ha detto: “Ribalta la visione convenzionale di Israele come l’aggressore e i palestinesi come la vittima finale”. Halperin-Kaddari ieri ha anche incontrato il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Türk per trasmettere il messaggio, fornirgli le prove e chiedere una forte condanna. In un post su Instagram, UN Women ha inizialmente denunciato gli attacchi di Hamas, ma poi ha cancellato la dichiarazione subito dopo la pubblicazione e l’ha sostituita con un’altra che ometteva la condanna di Hamas. Il commento migliore è di Fania Oz-Salzberger, la figlia di Amos Oz: “Anche per una israeliana moderata, forte è la tentazione di lasciare l’Onu e diventare orgogliosamente uno stato canaglia. La mia fiducia nell’Onu è pari a zero. Come ebrea e come donna”. Come diceva lo slogan del MeToo? “Believe women”. Tranne le israeliane.

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT