lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
26.11.2023 Ucraina abbandonata dall’Unione Europea
Analisi di David Carretta

Testata: Il Foglio
Data: 26 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: David Carretta
Titolo: «Il veto ungherese»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 26/11/2023, a pag. 1, con il titolo "Il veto ungherese", il commento di David Carretta.

Ultime Notizie Online | Agenzia Giornalistica Italia | AGI
David Carretta

International Centre for the Prosecution of the Crime of Aggression made  official at United for Justice Conference in Ukraine | Eurojust | European  Union Agency for Criminal Justice Cooperation

Bruxelles. E’ una missione quasi impossibile quella che Charles Michel farà a Budapest lunedì, ma forse la più importante del suo mandato come presidente del Consiglio europeo: disinnescare la bomba di Viktor Orbán per far saltare in aria il sostegno dell’Unione europea all’Ucraina. Aiuti finanziari, assistenza militare, sanzioni contro la Russia, negoziati per l’adesione: il Consiglio europeo del 14 e 15 dicembre deve prendere all’unanimità decisioni fondamentali per Kyiv. Su ciascuna pesa la minaccia del veto di Orbán, che ha inviato una lettera a Michel per dire che intende bloccare tutto fino a quando non ci sarà una “discussione strategica” e un “consenso” sulla strategia dell’Ue sull’Ucraina. Dal testo, si capisce che ai suoi occhi la vittoria di Kyiv e la sconfitta di Mosca non sono “realisticamente realizzabili”. “Gli sviluppi nella guerra in Ucraina, così come il contesto di sicurezza globale, economico e politico richiedono un periodo di riflessione e un potenziale aggiustamento dei nostri obiettivi e strumenti”, ha scritto Orbán, tirando in ballo anche le elezioni negli Stati Uniti. L’obiettivo di Budapest non è più, come in passato, di usare l’Ucraina come merce di scambio per ottenere una o due concessioni. A Bruxelles, Orbán viene descritto come emotivo, vendicativo, pronto a minare il sistema a pochi mesi dalle elezioni europee. Questa volta potrebbe andare fino in fondo, paralizzando la politica dell’Ue sull’Ucraina. Volodymyr Zelensky ha detto a Michel che l’impatto di un fallimento a dicembre sarà molto negativo sulla società ucraina e il suo morale. Secondo Kyiv, una mancata decisione al Consiglio europeo sugli aiuti finanziari e militari potrebbe condizionare anche le scelte degli Stati Uniti. Tornato dalla visita a Kyiv martedì, Michel si sarebbe convinto che un fallimento potrebbe rivelarsi catastrofico, perché mostrerebbe al mondo l’inizio delle divisioni interne all’Ue, Putin potrebbe interpretarlo come un assegno in bianco e in gioco c’è la sicurezza in Europa. A Budapest Michel vuole capire quale carte potrà giocarsi in una partita che durerà appena tre settimane. Oltre alla discussione strategica sull’Ucraina, Orbán ha altre due richieste. La prima sono i fondi dell’Ue congelati per le violazioni dello stato di diritto. La Commissione ha appena proposto di sbloccare 920 milioni di euro di prefinanziamento del Pnrr, ma è un’inezia rispetto ai 32 miliardi totali per l’Ungheria. La seconda è la testa di Ursula von der Leyen, che Orbán non vuole per un secondo mandato alla Commissione. Le europee giocano contro l’Ucraina. A marzo, sarà più complicato convincere i leader a mettere mano al portafoglio per finanziare Kyiv e ad avviare negoziati per un’adesione ucraina che comporterà sacrifici. Da aprile l’Ue sarà in ibernazione politica per le europee e il rinnovo delle cariche. Nel frattempo i Paesi Bassi potrebbero avere come premier Geert Wilders, alleato di Orbán contro l’Ucraina. In caso di fallimento a dicembre, Michel convocherà un Consiglio europeo straordinario a gennaio.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT