giovedi` 22 febbraio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.11.2023 I dubbi di Israele
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 23 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «I dubbi di Israele»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/11/2023, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo "I dubbi di Israele".

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Israel and Hamas agree deal for release of some hostages and four-day  ceasefire | Israel-Hamas war | The Guardian

Roma. “Mi oppongo allo scambio con Hamas, non importa quanti ostaggi verranno liberati, è solo un invito al prossimo attacco”. Così dice al Foglio Israel Harel, l’editorialista di destra di casa a Haaretz, il giornale della sinistra israeliana. “Per un soldato, Gilad Shalit, abbiamo liberato mille assassini, tra cui Sinwar, l’attuale leader di Hamas. Tutti in Israele avevano detto che lo stato era rinato il 7 ottobre, ma questo accordo ci dimostra che poco è cambiato. Il vero test è lo scambio, con Hezbollah che ci guarda”. Harel dice che Israele ne uscirà, ma a un prezzo. “Siamo sopravvissuti alle camere a gas. Ma pensavo che quando avessimo avuto uno stato non saremmo stati dei sopravvissuti e oggi invece siamo una enclave dietro le mura”. Il nemico coglie ogni opportunità, ci dice Israel Harel: “Ci studia, ci analizza, il nemico non è forte ma è intelligente. Tutte le guerre sono finite in una vittoria, tranne le nostre”. Harel dice che ne è un esempio quanto accade al nord. “Un altro peccato imperdonabile: centinaia di migliaia di persone hanno abbandonato le città e le comunità più piccole, su iniziativa di un governo che ha perso la fiducia in se stesso e nei propri valori. Ai residenti di ventotto comunità sul confine settentrionale, che un tempo erano simboli di eroismo e sacrificio, è stato detto di andarsene. Cosa ha portato il governo e l’esercito a fornire al leader di Hezbollah Hassan Nasrallah un’ulteriore prova della sua teoria secondo cui Israele è fragile come una ragnatela? Kfar Giladi è un kibbutz da 107 anni. Questa fiorente comunità ha conosciuto difficoltà e disastri, ma mai – nemmeno durante la Guerra d’indipendenza – ha abbandonato il kibbutz. Eppure adesso, che è circondato da migliaia di soldati, dal sistema antimissile Iron Dome e Dio solo sa cos’altro, i pronipoti dei fondatori lo hanno abbandonato”. Hamas sopravviverà, conclude Harel. “Sinwar forse no, ma l’ideologia di annichilire Israele sì e lentamente nascerà qualcosa di nuovo. Forse passeranno anni prima che ci sarà un nuovo scontro con Gaza, ma un giorno saranno ancora organizzati”. Israele dovrebbe tornare a riprendersi Gaza. “Tanto l’occidente sarà sempre contro di noi”. Amnon Lord è stato il direttore del quotidiano di destra Makor Rishon e oggi scrive per Israel Hayom, giornale vicino a Benjamin Netanyahu. “Sono a favore dello scambio, ma il governo deve chiarire che rientrerà nella guerra dopo lo scambio, per evitare che Hamas ci estorca altro, come un cessate il fuoco”, dice Lord al Foglio. “Siamo a Jabalia e stanno cercando di fermarci dopo una serie di successi. Sinwar e la sua banda si basano sul fatto che i giorni di tregua creeranno una forte pressione internazionale, guidata dagli Stati Uniti e dalle Nazioni Unite, per raggiungere un cessate il fuoco. Guterres sarà felice di permettere a Hamas di ottenere la vittoria dalla sconfitta inflittagli finora. La decisione di Netanyahu e del gabinetto di guerra di partecipare all’operazione di terra a Gaza è stata dannatamente difficile e sarà ricordata come una delle decisioni più difficili mai prese da un governo israeliano”. Israele non aveva alternativa all’accordo e dimostra che la pressione militare funziona. “Sarei stato a favore anche se mi avessero dato un accordo come questo: come nel 1982, a Beirut, i capi di Hamas se ne vanno nello Yemen o a Harvard o al New York Times, e in cambio ci danno tutti gli ostaggi. Dobbiamo liberare i bambini e i minori. In Israele c’è questa idea che siamo una famiglia e non puoi negare alla famiglia di tornare ai propri cari. Ci vorranno da tre a sei mesi per finire la guerra, non è come la Guerra dei sei giorni ed è la più grande battaglia che Israele abbia mai combattuto. Uno scenario terribile sarebbe se non tornassimo a combattere, si rifletterebbe molto male sulla deterrenza d’Israele. La guerra del Kippur esplose quando nel 1973 pensavamo di essere superiori e che non avessimo mai avuto migliore deterrenza. Yitzhak Rabin disse che la deterrenza per Israele non esiste. Quando il nemico decide che è il momento di attaccare, attaccano. Sono ottimista perché vedo che c’è uno spirito di combattimento e il talento militare che stanno dimostrando a Gaza. Sono stato dentro Gaza con l’esercito. Il nostro nemico però è molto determinato a distruggerci e può farlo come abbiamo visto il 7 ottobre e con l’aiuto dell’Iran. Abbiamo commesso l’errore di pensare che il terrorismo con la propaganda e i missili e i massacri non potessero creare una situazione demoralizzante. E hanno creato un pericolo esistenziale. Non devi annichilire una intera popolazione per raggiungere questo obiettivo”. Dal pogrom del 7 ottobre erano passati dodici anni da quando Sinwar, che aveva ucciso con le proprie mani dodici palestinesi che avevano collaborato con Israele, era stato scambiato assieme ad altri mille terroristi per un solo soldato israeliano. Al tempo i critici dello scambio dissero che Hamas aveva appena iniziato a pianificare la guerra.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT