lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.11.2023 L’accordo con Hamas rende l’autodifesa ancora più debole
Analisi di Giuliano Ferrara

Testata: Il Foglio
Data: 23 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Giuliano Ferrara
Titolo: «L’inevitabile accordo con Hamas apre a un appeasement con l’Iran che sa di impunità»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/11/2023, a pag. 1, con il titolo 'L’inevitabile accordo con Hamas apre a un appeasement con l’Iran che sa di impunità' l'analisi di Giuliano Ferrara.

giuliano-ferrara - Il Foglio
Giuliano Ferrara

Bonus editorial cartoon for Oct. 16, 2023 - West Central Tribune | News,  weather, sports from Willmar Minnesota

Ora gli occhi del mondo guardano all’accordo di tregua, alla sorte degli ostaggi di Hamas, alla lista dei prigionieri scambiati, all’incerta prospettiva di tregua e ripresa della guerra in una spirale di fatti che non è possibile prevedere in dettaglio. Le pressioni americane, quelle del partito umanitario e dell’opinione pubblica israeliana di fronte al dramma dei sequestrati hanno indotto Netanyahu, che sarà ancora in controllo fino alla fine del ciclo di guerra ma è strutturalmente delegittimato dal 7 ottobre, a votare in favore dell’accordo senza che la destra oltranzista potesse costruire un’alternativa di crisi e rifiuto. Israele venderà il deal come effetto della forte, durissima azione di devastazione inferta a Hamas, con i danni inevitabili ma orripilanti delle vittime civili a Gaza. Hamas sfrutterà la tregua per riorganizzare le sue difese, tentare un contrattacco, sopra tutto legittimarsi come soggetto della resistenza palestinese dopo aver sfidato ogni legge umanitaria e il senso stesso di una storia che viene da Auschwitz con il pogrom di sangue e orrore del 7 ottobre. I prigionieri liberati faranno con le dita il segno della vittoria e l’influenza politico-militare di Hamas, già enorme in Cisgiordania, è destinata a rafforzarsi e a ricollegarsi con l’asse della cosiddetta resistenza risalente alla guida iraniana. Asse potentemente sostenuto da un’opinione occidentale che già prima del 7 ottobre si esercitava nella retorica del boicottaggio e nella dannazione di Israele e del sionismo occupante, ma è esplosa dopo l’inizio dei combattimenti di autodifesa a Gaza. Tutto questo è ciò che è consentito vedere con il raggio ottico limitato agli eventi sul campo. Allargando il campo, si vede altro. La guerra di Gaza è un capitolo drammatico ma strategicamente minore della crisi mediorientale. Non ci fosse la deterrenza americana, con il dispiegamento navale e le azioni di guerra aerea partite dalle basi in Iraq e altrove, il teatro vero della guerra sarebbe ultimativo per Israele. Che è un paese accerchiato su più fronti da eserciti terroristi ben finanziati e allenati dalla Teheran della rivoluzione islamista e degli ayatollah. Gli Hezbollah dal Libano al nord, Hamas al sud e nella Cisgiordania con sempre crescente penetrazione, le cellule proiraniane in Siria e in Iraq, gli houti dello Yemen che hanno portato a termine il sequestro simbolico del cargo di un businessman israeliano al grido di Allah è il sommo, morte all’America e a Israele, sventolando la bandiera palestinese per la liberazione dal fiume Giordano al mare. Il problema è che l’Iran è una nazione in stato prenucleare, che l’arricchimento dell’uranio procede, che nonostante la deterrenza l’idea di una guerra per procura che rilanci l’estinzione dell’entità sionista, così la chiamano, attraverso lo sbandieramento della questione palestinese, ha fatto passi da gigante dopo il 7 ottobre. Alla luce di tutto questo non è poi un paradosso affermare che oltre la nebbia di guerra di Gaza, fenomeno atroce ma limitato, si vede nitido il profilo di un appeasement con il vero motore della destabilizzazione nella regione, con effetti sugli equilibri mondiali, che è appunto il regime islamista dell’Iran. Jamie Dimon, il banchiere più forte a Wall Street, ha dichiarato che dalla crisi dei missili a Cuba non si era mai visto un mondo in così grande pericolo. In occidente l’incertezza economica e il calcolo delle conseguenze di atti di espansione del conflitto hanno un peso di rilevanza evidente. La conseguenza del fatto che l’Iran non paga alcun pegno per il suo comportamento aggressivo è per Israele veramente dura: l’obiettivo di rispondere al 7 ottobre smantellando Hamas, di per sé un obiettivo minimo e difficile da raggiungere oltre ogni determinazione esistenziale e morale e politica e militare, è ovviamente ridimensionato da negoziato e accordo sugli ostaggi, con il riconoscimento obiettivo di un interlocutore terrorista, ma l’impunità dell’Iran e la sottile linea rossa dell’appeasement reale, sulla base del dogma della non espansione del conflitto, rende la prospettiva di guerra e di autodifesa di Israele ancora più debole nonostante ogni apparenza e malgrado il comportamento cautamente neutralista degli arabi moderati nemici dei Fratelli musulmani e di Hamas, sopravanzati dai qatarioti mediatori e protettori a Doha dell’ala politica esterna dell’esercito terrorista. L’accordo era probabilmente inevitabile eppure segnala una situazione in cui l’asse della cosiddetta resistenza, che è l’avanguardia negazionista dello stato ebraico, ora confortata dal retroterra geopolitico che va da Pechino a Mosca ad Ankara, e sbocca nell’intangibilità del regime iraniano, ha il mazzo delle carte saldamente in mano. Per molte ragioni non è augurabile un conflitto allargato e un rovesciamento dei rapporti di forza con Teheran e i suoi eserciti per procura attivi contro Israele, per molte altre ragioni potrebbe in breve rivelarsi inevitabile.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT