martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.11.2023 Putin ha bisogno di assassini
Commento di Anna Zafesova

Testata: Il Foglio
Data: 18 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Anna Zafesova
Titolo: «La ragazza dei cartoncini»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/11/2023, a pag. 1, l'analisi di Anna Zafesova dal titolo "La ragazza dei cartoncini".

Anna Zafesova | ISPI
Anna Zafesova

Putin could be out of power within a year, says ex-British spy - here's how  | World News | Sky News
Vladimir Putin

Cinque cartoncini del formato dei cartellini dei prezzi sono valsi alla disegnatrice pietroburghese Sasha Skochilenko sette anni di carcere. Senza condizionale, senza rinvio, senza attenuanti. Il crimine di Sasha consiste nell’aver sostituito cinque cartellini al supermercato Perekrestok di Pietroburgo con minimanifestini contro la guerra in Ucraina. Cinque rettangolini con scritti i numeri dei soldati russi morti, e dei civili ucraini uccisi dalle bombe russe. Al sesto, Sasha è stata fermata da una pensionata di 76 anni, che prima ha cercato la solidarietà della cassiera e della guardia e poi, di fronte alla loro indifferenza, ha chiamato la polizia. Da quel momento, Sasha è diventata una pericolosa criminale, che deve espiare il reato di “discredito dell’esercito per mezzo della diffusione di notizie palesemente false” con sette anni dietro le sbarre. La giovane pietroburghese entra nel gulag proprio nel momento in cui la Russia sta discutendo due clamorose grazie: quella di Sergei Khadzhikurbanov, uno dei complici dell’omicidio di Anna Politkovskaja, condannato a 20 anni, e quella di Vladislav Kanyus, che doveva scontare 17 anni per aver torturato per tre ore e poi strangolato la sua ex fidanzata Vera Pekhteleva. Hanno ricevuto la grazia del presidente Vladimir Putin per aver “espiato con il sangue”, come dice il suo portavoce Dmitri Peskov, cioè per essere andati al fronte. Il sangue con il quale hanno espiato non è il loro, è quello degli ucraini che hanno ucciso. Ora sono liberi, sono eroi di guerra, e nessuno può più rinfacciare loro di essere stati degli assassini che hanno ucciso donne disarmate a sangue freddo. Il caso di Sasha Skochilenko, nella sua surreale crudeltà, è emblematico di una Russia che ha bisogno di assassini, mentre vuole sbarazzarsi di giornaliste, disegnatrici e fidanzate ribelli. Nella nuova scala dei valori, una attivista Lgbtq dichiaratamente pacifista è più pericolosa di un killer. Lei deve entrare dentro, lui (loro) uscire. Lei deve essere un esempio da punire, loro il modello di bravi cittadini. Il processo a Sasha è stato talmente assurdo che perfino uno dei giudici si è dimesso per protesta, e perfino la vigile pensionata che l’ha consegnata alla polizia, di fronte alla sentenza, ha esclamato: “Ma sarebbe bastato darle delle frustate e mandarla a casa!”. Eppure, la condanna di una ragazza che corre il rischio di non uscire dal carcere – soffre di celiachia e problemi cardiaci – non è stata un incidente del sistema. E’ stata la riconferma delle sue nuove regole. E la vera domanda, per il futuro della Russia, è quella che Sasha ha rivolto a quelli che l’hanno torturata e condannata, non potendo non rendersi conto di quanto fosse assurdo e disumano: “Forse vi state consolando pensando che state solo facendo il vostro lavoro. Ma cosa farete quando l’ago della bilancia si sposterà nella direzione opposta?”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT