lunedi` 27 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.11.2023 42 giorni in ostaggio di Hamas
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 18 novembre 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «42 giorni in ostaggio di Hamas»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/11/2023, a pag. 3, l'editoriale "42 giorni in ostaggio di Hamas".

Hamas Publishes Video of 86-year-old Israeli Hostage, Raising Concerns  About His Life - Israel News - Haaretz.com
Arye Zalmanovich

Arye Zalmanovich ha 86 anni, ha fondato insieme ad altri amici il kibbutz di Nir Oz, che non aveva mai lasciato. Si è sempre alzato molto presto la mattina per andare a seminare o a raccogliere frutta, verdura, fiori, gli piaceva la terra anche quando, nei periodi di siccità, non era generosa. Suo figlio Boaz ha raccontato che quando partiva la sirena dell’allarme missilistico – i missili di Hamas e del Jihad islamico da Gaza – non andava nel rifugio perché non voleva lasciare il kibbutz. Boaz ha raccontato altri aneddoti sulla vita di suo padre durante le manifestazioni dei parenti degli ostaggi presi da Hamas il 7 ottobre: Arye Zalmanovich è tra questi e ieri è stato mostrato in un video pubblicato dal gruppo terroristico. Haaretz che lo ha visto per primo ha detto che la preoccupazione per la sua sopravvivenza è grande, è gravemente malato e ha bisogno di cure che non riceve: nelle immagini circolate è avvolto in un sudario bianco, si lamenta, negli ultimi frammenti è immobile con il volto rovesciato, sembra morto. Ieri il numero ufficiale degli ostaggi aggiornato con grande frequenza dal governo di Israele diceva: 237. Come dal primo shabbat dopo l’attentato di Hamas in Israele ieri sono state apparecchiate le tavole con i posti vuoti, con il tavolo per i bambini e gli orsacchiotti con la benda sugli occhi – i simboli tragici delle manifestazioni che chiedono la liberazione degli ostaggi. E’ partita una marcia diretta a Gerusalemme organizzata dai parenti che poi si è allargata perché si sono unite tantissime persone, anche il capo della polizia, anche l’ambasciatore tedesco in Israele, Steffen Seibert, storico portavoce di Angela Merkel. Sono quarantadue giorni che gli ostaggi del 7 ottobre sono nelle mani di Hamas: quattro sono stati liberati dal gruppo terroristico, uno dall’esercito israeliano, uno è morto, forse due. Degli altri non ci sono notizie. Quarantadue giorni.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT