martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.11.2023 Hamas è come i nazisti
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 18 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Hamas è come i nazisti»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 18/11/2023, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo "Hamas è come i nazisti".

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Il nazi-islamismo di Hamas

Roma. Forse ha ragione Richard Millet e il Nobel per la Letteratura “è diventato l’equivalente del vecchio Premio Stalin dell’Unione sovietica”. E quando si tratta di Israele, l’unico blasone che si ricordi a sua difesa è Saul Bellow. Nel 2012 con una poesia intitolata “Quel che va detto”, uscita sui quotidiani tedeschi, spagnoli e italiani, Günter Grass spiegò che la potenza nucleare di Israele minacciava la fragile pace mondiale e che lo stato ebraico poteva cancellare il popolo iraniano. Eravamo al totale ribaltamento: non era più Teheran che minacciava Tel Aviv, ma Israele che minaccia il popolo iraniano. Durante la Seconda intifada degli attacchi suicidi, il Nobel portoghese José Saramago scrisse: “Ramallah è la Auschwitz di oggi”. Per non parlare di Dario Fo, il giullare di Soccorso rosso. Dopo il 7 ottobre, nessun Nobel ha avuto il tempo di buttare giù qualche parola a sostegno di Israele. 

Elfriede Jelinek - Wikipedia
Elfriede Jelinek

Ci ha pensato Elfriede Jelinek, che come Kraus si fregia di mettere a nudo le debolezze e i vizi sotto le apparenze perfette del paese dei valzer, del “Danubio blu”, delle operette e dei cavallini bianchi. Come Grass, Fo e Saramago, Jelinek è di sinistra: impegnata contro l’estrema destra nel suo paese e a favore dei migranti, membro del Partito comunista fino al 1991, autrice di attacchi contro Donald Trump e le leggi russe anti Lgbt. Ma a differenza dei tre colleghi, Jelinek ha condannato sul suo sito web i “fanatici” dell’“organizzazione terroristica Hamas” che vogliono “annientare” Israele, “l’unico stato democratico della regione”. “Umanità, potrebbe farci comodo” scrive Jelinek. “Dopo l’attacco di Hamas, non so più di cosa si tratti. Diventa un pezzo di carta su cui sono state scritte tante cose buone e belle e poi date alle fiamme”. Jelinek spiega che “infuriano i fanatici, per i quali la vita non ha alcun valore, e la morte è qualcosa per cui vale la pena lottare, attraverso la quale si può diventare martiri”. Paragona quanto succede alla Guerra dei trent’anni, “che quasi spopolò l’Europa e iniziò con fronti chiari, come guerra di religione e con la defenestrazione (più un atterraggio morbido su un mucchio di letame) a Praga, finché alla fine solo i predoni vagarono per la terra deserta”. Hamas, spiega la scrittrice, “non appartiene alla civiltà”, “pianifica” e ha “sempre pianificato” l’annientamento di Israele, spiega la scrittrice austriaca 77enne. “Come i nazisti durante l’invasione della Polonia”: così Jelinek su Hamas, “massacro, stupro e tortura”, “una furia di distruzione incondizionata” che suggella il loro destino. Denuncia anche “la presa in ostaggio di palestinesi innocenti” da parte di Hamas “sulla loro striscia di terra sovrappopolata” e le manifestazioni in Europa contro gli attacchi israeliani. Quanto più i manifestanti “affermano la legittimità e la giustezza della loro azione gridando e ingiuriando, ovunque, anche qui, davanti alla cattedrale di Santo Stefano a Vienna, tanto più si instaura il vuoto, un vuoto aspirante”, deplora l’autrice il cui padre fu perseguitato sotto il nazionalsocialismo a causa delle sue origini ebraiche. “Ogni scambio è ridotto in cenere. Vediamo solo il fumo nero che vola via e l’orrore che rimane”. Le macerie di Kfar Aza.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT