martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.11.2023 Sotto le macerie di Hamas
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 15 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Sotto le macerie di Hamas»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 15/11/2023, a pag. 1, con il titolo 'Sotto le macerie di Hamas', l'analisi di Micol Flammini.

Micol Flammini | Festival Economia Trento 2023
Micol Flammini

Elder of Ziyon 🇮🇱 on X:

Roma. La struttura di al Shifa oggi è molto più di un ospedale, perché al suo interno tanti palestinesi sono andati a cercare rifugio e ora vivono nelle tende. Al Shifa è un simbolo, nei suoi sotterranei ci sono le strutture di Hamas, secondo l’intelligence israeliana e gli Stati Uniti confermano, ci sono i tunnel che partono da alcuni reparti come medicina interna o nefrologia. E’ l’ospedale più grande della Striscia, che ne conta trentacinque sul suo territorio, e a Gaza è stato spesso al centro di tutto, anche dei problemi morali che una nazione democratica deve affrontare quando è in guerra. Hamas invece non ha dubbi morali e già nel 2014 usava i sotterranei di al Shifa. Nel sotterraneo dell’ospedale venivano torturati e uccisi i civili accusati di collaborare con Israele, spesso i loro corpi venivano poi esposti per le strade, trainati da motociclette, diventavano il manifesto della ferocia del regime di Hamas: bastava un sospetto. L’ospedale è al centro dei combattimenti, e lo è stato spesso nelle guerra tra Israele e Hamas, perché l’organizzazione ha sempre disposto che la sua maggiore protezione fossero proprio i civili. Nel 2009, durante l’operazione Piombo fuso, i servizi segreti dello Shin Bet avevano accusato i terroristi di nascondersi dentro ad al Shifa. Nel luglio del 2014, durante l’operazione Margine di protezione, i miliziani lo scelsero di nuovo come nascondiglio confidando nel fatto che Israele non avrebbe colpito la struttura ospedaliera di Gaza City. Questa volta non sono soltanto terroristi senza nome a occupare i reparti di un ospedale in estrema difficoltà, ma nelle sue fondamenta potrebbe trovarsi l’uomo che ha progettato l’attacco del 7 ottobre, Yahya Sinwar, e dai tunnel che partono dai reparti si snoda la struttura logistica di Hamas con i razzi che ogni giorno vengono lanciati contro Israele. Sono tanti i medici israeliani che conoscono al Shifa, perché dal 2009 alcune delegazioni su istruzione dello Shin Bet si recavano per eseguire interventi, per insegnare, per collaborare, alcuni casi più gravi venivano portati in Israele. Chi ha fatto parte di queste delegazioni ha raccontato che in generale gli ospedali di Gaza sono indietro di settant’anni, ma che la collaborazione è riuscita a formare dei professionisti, si è aperto un filo diretto tra medici, uno scambio continuo che coinvolge ogni struttura e al Shifa in modo particolare, dal momento che fornisce circa il 70 per cento dei servizi sanitari della Striscia. E’ diventato il centro medico più importante di Gaza nel 1948, e quando gli israeliani occupavano Gaza avevano speso molto per potenziarlo, così è rimasto un punto di riferimento. Oggi è il simbolo dell’attesa. Chi è dentro attende, chi gestisce la struttura ha raccontato che c’è un forte senso di patriottismo, anche di comunanza con Hamas, ieri il direttore della struttura ha detto che i civili erano costretti a scavare fosse comuni per seppellire i corpi. Israele ha circondato al Shifa e sa che non c’è nessun piano per evacuare da parte delle autorità della Striscia. Sa che i tunnel rimangono lì sotto e forse anche Yahya Sinwar. Sa che ogni immagine che esce dalla struttura non è un danno a Hamas che ha costruito la struttura terroristica sotto l’ospedale, ma ai civili e allo stato di Israele. Spesso gli ufficiali del Pentagono hanno paragonato la battaglia di Gaza a quella di Mosul. Nella città a nord dell’Iraq, lo Stato islamico aveva occupato le strutture ospedaliere. Questo è uno dei modi che i gruppi terroristici trovano per legare le mani a chi cerca di combatterli.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT