domenica 14 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.11.2023 Blinken in Israele, le pressioni americane, le ipocrisie degli altri
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 04 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «Blinken in Israele spinge per le pause umanitarie. Le pressioni americane e le ipocrisie degli altri»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 04/11/2023, a pag. 1, con il titolo 'Blinken in Israele spinge per le pause umanitarie. Le pressioni americane e le ipocrisie degli altrit', l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Who is Tony Blinken? Biden taps close confidante, longtime aide for  secretary of state - ABC News
Antony Blinken

Milano. Il segretario di stato americano, Antony Blinken, è tornato ieri a Tel Aviv per ribadire che Israele non è solo, che ha “l’obbligo di difendersi” e di sradicare Hamas, ma che il “come” lo fa è importante: lo è perché i civili palestinesi vanno protetti – anche da Hamas che continua “mostruosamente” a usarli come scudi umani – e perché l’offensiva in corso oggi riguarda anche la necessità “di sconfiggere un’idea, un’idea perversa, che va però combattuta con una idea migliore, con un futuro migliore, perché senza, anche dopo Hamas, coloro che suonano la melodia del nichilismo troveranno orecchie pronte ad ascoltarli”. Il governo di Benjamin Netanyahu non è disposto ad accettare pause se non si considera il rilascio degli ostaggi: ieri le forze israeliane hanno colpito vicino all’ospedale al Shifa, a Gaza City, un convoglio di ambulanze con i feriti a bordo facendo molte vittime. Restiamo umani, dice Blinken, insiste sulla necessità di far entrare gli aiuti umanitari a Gaza – anche a questo servono delle pause calcolate e decise insieme – e di organizzare le evacuazioni verso sud, ma Israele vuole delle garanzie ulteriori perché sa che le eventuali pause saranno soltanto dalla sua parte, la macchina da guerra di Hamas non si interrompe. Una di queste garanzie è proprio quella della liberazione degli ostaggi, il cui numero è salito a 242 – e a 28 giorni dal sabato nero di Israele ci sono ancora duecento cadaveri ritrovati nel sud non ancora identificati: Blinken ha ricordato anche questo, ha detto che “è impressionante” come la brutalità del massacro di Hamas sia “svanita” dalla memoria di tante persone. Al momento, le trattative per gli ostaggi fanno capo soprattutto al Qatar, che rilascia di continuo dichiarazioni incoraggianti ma per ora sono stati liberati quattro ostaggi riconsegnati e una soldatessa rapita è stata liberata dalle forze israeliane entrate a Gaza. Molti esperti dicono che convincere Hamas alla liberazione è molto difficile: gli ostaggi sono uno scudo prezioso, un altro. Ma l’inefficacia delle pressioni del Qatar rivela molto più di un negoziato complicato che va per le lunghe: in tutta la regione e in gran parte del mondo non si fa che denunciare Israele e difendere i civili palestinesi, ma oltre alla retorica poi non succede granché. In alcuni casi questa ipocrisia è più oscena di altre. E’ il caso della Russia, che si sente ora molto rinvigorita dalla retorica della stanchezza occidentale e da quella del doppio standard (quello applicato alla Russia stessa e quello applicato a Israele) al punto che dice che ora l’occidente non pensa più che sia possibile sconfiggere l’esercito russo sul campo ucraino. L’aggressività russa è aumentata, se possibile, e si nutre di un artificio inascoltabile: Vladimir Putin difende i civili palestinesi contro gli attacchi di Israele, accoglie Hamas e massacra i civili ucraini. Nella notte tra giovedì e venerdì, la Russia ha lanciato quaranta droni Shahed iraniani e un missile Kh-59 contro l’Ucraina: 24 sono stati intercettati dalla contraerea di Kyiv, dieci hanno colpito Kharkiv – una sartoria, un centro di automobili, un edificio amministrativo, un palazzo residenziale e il palazzo storico di un college della città – segnando l’attacco di droni più grande dell’ultimo mese. L’allerta è alta in tutta la regione del nord-est ucraino: è stata imposta l’evacuazione di 275 bambini con le loro famiglie da organizzare nei prossimi 45 giorni – i preparativi per l’inverno sono in corso. Vale appena la pena di ricordare che nessuno, in più di venti mesi, è riuscito a ottenere da Putin nemmeno una pausa. L’elenco delle ipocrisie comprende anche chi continua a separare la lotta contro l’aggressione russa e quella contro l’aggressione di Hamas (il Pentagono ieri ha stanziato 425 milioni di dollari di aiuti, ignorando chi sfalda i due fronti). A tenerle unite, se non bastasse la difesa dei princìpi liberali, c’è il ruolo del regime iraniano: la collaborazione tra Mosca e Teheran è militare, economica, diplomatica e opera per massacrare civili ucraini e per massacrare civili israeliani. Gli strumenti per contenerla potranno anche essere diversi a seconda dei contesti, ma negare che questo asse esista è impossibile. E ancora, nell’elenco delle ipocrisie: l’Egitto è molto preoccupato per i civili palestinesi ma non ne vuole accogliere nemmeno uno; gli houti yemeniti vivono in un paese completamente devastato ma vogliono usare le loro risorse per attaccare Israele; i gruppi occidentali femministi, lgbtq, anti razzismo vogliono la Palestina libera dal “mare al fiume”, cioè senza Israele, ma non sopravviverebbero nemmeno un minuto in uno stato in cui vige la sharia. Blinken riprende oggi il suo viaggio nella regione, il suo messaggio è: dare seguito ai messaggi di solidarietà ai palestinesi con qualcosa di concreto. Ripeterà anche: restiamo umani.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT