martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.11.2023 L’obiettivo è sradicare Hamas
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 03 novembre 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Blinken arriva in Israele con un invito: bisogna già pensare a come non far tornare mai più Hamas»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 03/11/2023, a pag. 1, con il titolo 'Blinken arriva in Israele con un invito: bisogna già pensare a come non far tornare mai più Hamas', l'analisi di Micol Flammini.

Micol Flammini | Festival Economia Trento 2023
Micol Flammini

Hamas's Genocidal Intentions Were Never a Secret - The Atlantic

Roma. L’esercito israeliano ha circondato Gaza City e da questo momento la battaglia potrebbe cambiare. Inizieranno combattimenti casa per casa, strada per strada, la possibilità di imboscate da parte dei terroristi di Hamas crescerà. Finora sono morti diciotto soldati, tra quelli entrati nella Striscia, fra loro c’era anche il comandante Slaman Habaka, druso, era stato tra i primi a correre verso i kibbutz attaccati il 7 ottobre. Si muoveva dentro a un carro armato e aveva raccontato che per la prima volta nella sua vita si era reso conto che il rumore dei cingolati in avvicinamento dava un senso di sicurezza alle persone che avevano visto il massacro, erano rimaste chiuse, impaurite nei rifugi, avevano visto la violenza, l’avevano subita come mai la loro mente avrebbe potuto immaginarla. Era assurdo che un carro armato in arrivo non facesse paura. Habaka è stato ucciso a nord di Gaza mentre comandava il suo battaglione, durante un’imboscata. Queste imboscate sono destinate ad aumentare e non si sa quanti siano i tunnel che l’esercito ha scovato finora. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha ribadito che il prezzo sarà alto, ma Israele non si fermerà perché l’obiettivo è sradicare Hamas, l’obiettivo è non avere più un altro 7 ottobre. Hamas quella giornata di odio e massacro invece è intenzionata a ripeterla, l’ha detto il suo portavoce Ghazi Hamad, un tempo figura di riferimento per i negoziati. Oggi arriverà in Israele Antony Blinken, sarà la seconda visita da quando è iniziata la guerra e non ha nascosto la sua intenzione di insistere per una pausa umanitaria: per gli Stati Uniti le pause non impediranno a Israele di difendersi, non ostacoleranno il piano di sradicare Hamas, ma serviranno agli oltre duecento ostaggi e a facilitare le evacuazioni da Gaza e i rifornimenti per la popolazione che si concentra nel sud della Striscia. C’è un altro messaggio che l’Amministrazione americana vuole portare in Israele, e ne ha discusso Blinken durante la prima tappa del suo viaggio che è stata in Arabia Saudita: è importante iniziare a pensare al dopo, non ci si può far trovare impreparati, con un territorio da ricostruire, con due popoli traumatizzati che devono provare a convivere. Secondo diversi analisti è questo uno dei limiti dell’operazione di Israele: aver mandato l’esercito, aver pensato alla necessità condivisa di eliminare Hamas, ma non avere pronto un piano per non far tornare mai più Hamas in una popolazione della Striscia che ha subìto propaganda martellante, ha subìto e subisce bombardamenti con una forza mai sentita prima, si sente stretta in un territorio di trecentosessantacinque chilometri quadrati che soltanto mercoledì è stato aperto a singhiozzo al valico di Rafah. Incrementare le aperture, renderle regolari, è il primo obiettivo di Blinken. Fu durante la visita di Joe Biden che gli Stati Uniti hanno convinto Israele a lavorare su un accordo che consentisse il passaggio degli aiuti umanitari.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT