venerdi 19 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
09.09.2023 Abu Mazen, se questo è un 'palestinese moderato'
Antisemitismo e silenzi del dittatore dell'Autorità palestinese

Testata: Il Foglio
Data: 09 settembre 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Se questo è un 'palestinese moderato'»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 09/09/2023, a pag. 3, l'editoriale "Se questo è un 'palestinese moderato' ".

Abu Mazen vede il ministro della Difesa Gantz: per la prima volta in  Israele dopo anni - la Repubblica
Abu Mazen

Il presidente dell’Autorità palestinese Abu Mazen ha parlato dell’antisemitismo in un discorso pronunciato al Consiglio rivoluzionario di Fatah, lo scorso 24 agosto, e trasmesso dalla tv dell’Autorità palestinese il 3 settembre. Abu Mazen ha rilanciato la vecchia panzana secondo cui gli ebrei europei sarebbero i discendenti dei kazari, sostenendo che in quanto tali non sono “semiti” e che la loro persecuzione non ebbe nulla a che fare con l’antisemitismo. Secondo Abu Mazen, gli ebrei in Europa vennero “combattuti” non in quanto ebrei, ma per il loro “ruolo sociale”, come “usurai”. A sostegno di questa tesi, il presidente palestinese ha citato Karl Marx e Hitler. “La verità che dobbiamo chiarire al mondo è che gli ebrei europei non sono semiti. Non hanno nulla a che fare con il semitismo. Dicono che Hitler uccise gli ebrei perché erano ebrei e che l’Europa odiava gli ebrei perché erano ebrei. Non è vero”. Il discorso di Abu Mazen – ha dichiarato l’ambasciatore tedesco in Israele, Steffen Seibert – è un insulto alla memoria di milioni di uomini, donne e bambini assassinati. “I palestinesi dovrebbero poter ascoltare dal loro leader la verità storica, e non simili falsificazioni”. L’Unione europea ha condannato Abu Mazen e la sindaca di Parigi Hidalgo ha annunciato il ritiro della medaglia Grand Vermeil di Parigi. Deborah Lipstadt, rappresentante degli Stati Uniti per la lotta all’antisemitismo, si è detta “sconvolta”. “Diffama il popolo ebraico, distorce la Shoah e travisa il tragico esodo degli ebrei dai paesi arabi”. “Ecco il vero volto della ‘dirigenza’ palestinese”, così Gilad Erdan, ambasciatore d’Israele presso le Nazioni Unite. Ma è un discorso furbo, anzi furbissimo: se gli ebrei non furono uccisi in quanto ebrei, Israele non dovrebbe esistere, dice Abu Mazen. Quello che pensano molti benpensanti occidentali. Ecco perché molti tacciono, imbarazzati.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT