domenica 14 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.09.2023 L’Armenia sta con Kyiv
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 07 settembre 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’Armenia sta con Kyiv»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 07/09/2023, a pag. 3, l'editoriale "L’Armenia sta con Kyiv".

Gli Stati del Caucaso e la necessità di nuove scelte | Med-Or

Le alleanze hanno un limite, un confine. Sono fatte di ideali comuni e molto spesso soprattutto di convenienza. L’Armenia, storicamente alleata della Russia, ha capito che non soltanto l’alleanza è scomoda e sconveniente, ma che ha superato ogni confine e limite di tollerabilità. Così l’Armenia ha compiuto un passo storico e anche coraggioso: si è messa in cerca di nuovi alleati, proprio di quelli che rappresentano il contrario esatto di Mosca. Il premier armeno Nikol Pashinyan ha deciso di ritirare l’ambasciatore armeno presso la Csto, l’Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva, l’alleanza militare che lega alcune nazioni che facevano parte dell’Unione sovietica alla Russia e che avrebbe uno scopo difensivo, ma è intervenuta soltanto una volta a scopo invece offensivo: per sedare le manifestazioni in Kazakistan. L’Armenia, che invece ne ha invocato l’intervento durante gli scontri con l’Azerbaigian, non ha mai ricevuto una risposta. Oggi si temono nuovi scontri e la tensione è molto alta. Pashinyan ha detto che le esercitazioni militari congiunte della Csto non è opportuno che si tengano in Armenia e ha annunciato invece che parteciperà a quelle con gli Stati Uniti. E’ una novità, una rottura, Erevan ha scelto una nuova alleanza, quella che il Cremlino detesta. E siccome il contorno del nuovo mondo passa per ciò che accade in Ucraina, Pashinyan ha annunciato anche l’invio di aiuti umanitari a Kyiv e sua moglie, che ha combattuto nel Nagorno Karabakh, è andata nella capitale ucraina per partecipare al vertice coordinato dalla first lady ucraina Olena Zelenska e ha consegnato gli aiuti personalmente. Per Mosca è un cambiamento grande, per l’Armenia è enorme, ha scelto di sradicare un’alleanza antica e inutile, perché ha visto che le vere alleanze funzionano in modo diverso, che tra alleati ci si sostiene. Ha cambiato campo, e senza l’Armenia, le ambizioni di Putin si riducono sempre di più.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT