martedi` 05 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.08.2023 Corano/Bibbia, paesi repressivi e democratici
Il gesto dell’artista iraniana Firoozeh Bazrafkan

Testata: Il Foglio
Data: 15 agosto 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «“Possiamo grattugiare il Corano?”»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 15/08/2023 a pag. 3, l'editoriale “Possiamo grattugiare il Corano?”.

Iranian-Danish Artist Shreds Quran Outside Iran's Embassy
Firoozeh Bazrafkan

L’artista iraniana Firoozeh Bazrafkan ha preso una copia del Corano, si è piazzata davanti all’ambasciata iraniana di Copenaghen e lo ha grattugiato fino a ridurlo in coriandoli. Danimarca e Svezia avevano appena finito di gestire i roghi del libro sacro dell’islam che arriva un altro metodo di profanazione. E la tentazione di una resa non dichiarata alle minacce e pressioni si fa sempre più forte. Scrive sull’ultimo Time Magazine Jacob Mchangama, direttore del Future of Free Speech Project alla Vanderbilt University e autore di “Free Speech: A History From Socrates to Social Media”, che “inchinarsi alle intimidazioni di stati politicamente autoritari e religiosamente oppressivi costituisce un pericoloso precedente e offre ai regimi oppressivi una potenziale leva per minare ulteriormente i princìpi democratici. Basta confrontare le democrazie di Danimarca e Svezia con i regimi autoritari di Iran e Arabia Saudita per rendersi conto che, nonostante tutti i suoi difetti, la libertà di parola rende il mondo più tollerante, democratico e libero”. 

Il Corano è stato scritto prima di Maometto? - Wired | Wired Italia

L’Organizzazione per la cooperazione islamica (Oic) ci chiede di prendere le distanze dagli atti di “profanazione” del Corano. Tuttavia, questa organizzazione creata nel 1969 dall’Arabia Saudita, che riunisce 57 stati, ha dichiarato l’autore dei “Versi satanici” Salman Rushdie “apostata” e ha chiesto la messa al bando del suo libro. Quando si tratta di rispetto per la libertà di espressione, l’Oic è ben lungi dall’essere un modello. Quando un cittadino iraniano ha minacciato di bruciare la Bibbia davanti all’ambasciata israeliana a Copenaghen, a pochi danesi è interessato questo deliberato tentativo di provocare e nessuno ha minacciato di usare la violenza e il manifestante non è stato arrestato. Piuttosto che dimostrare l’ipocrisia danese, il fan di Khomeini è riuscito a mostrare come una società impegnata nella libertà di parola possa gestire idee offensive. Resta da vedere quanto possano reggere le democrazie scandinave.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT