martedi` 16 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.06.2023 Non fidarsi della Cina
Analisi di Giulia Pompili

Testata: Il Foglio
Data: 03 giugno 2023
Pagina: 1
Autore: Giulia Pompili
Titolo: «Fumo di Pechino»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/06/2023, a pag.1, con il titolo "Fumo di Pechino" l'analisi di Giulia Pompili.

Immagine correlata
Giulia Pompili

Pechino e la guerra in Ucraina: gli scacchi cinesi di Xi Jinping
Putin con Xi Jinping

Roma. Il direttore della Cia William Burns il mese scorso è stato in Cina, in una missione segreta per dei colloqui con i funzionari di Pechino, anche dell’intelligence. L’operazione, rivelata ieri dal Financial Times, si è tenuta nelle stesse settimane in cui il consigliere per la Sicurezza nazionale americano, Jake Sullivan, ha incontrato il capo della diplomazia cinese Wang Yi a Vienna, per una due giorni di colloqui (circa otto ore in totale) rimasti segreti fino alla loro conclusione il 12 maggio scorso. Sin dall’inizio della sua Amministrazione, Joe Biden ha usato in modo inedito, per missioni politiche e non solo d’intelligence, il capo dell’agenzia Burns, che ha un passato trentennale da diplomatico. La sua in Cina è la visita di più alto livello di un funzionario dell’Amministrazione da due anni, e arriva in un momento particolarmente complicato per le relazioni tra le prime due economie del mondo, in cui Pechino sta cercando di dettare le regole del dialogo con l’America. Ieri a Singapore, allo Shangri La Dialogue, il segretario alla Difesa americano Lloyd Austin e il suo omologo cinese Li Shangfu si sono stretti la mano, ma l’atteso bilaterale tra i due non c’è stato perché rifiutato da Pechino. Secondo quanto riportato dalla stampa internazionale, la leadership cinese vuole che prima vengano sollevate le sanzioni contro Li imposte da Trump nel 2018 per le sue “transazioni” con la Russia di Putin. Di questa chiusura al dialogo imposta dalla parte cinese con l’America – dialogo che, a quanto pare, Pechino accetta solo se segreto e poco trasparente – ha parlato ieri da Singapore anche il primo ministro australiano Anthony Albanese. “Se non si diminuisce la pressione col dialogo”, ha detto Albanese, “se non si ha la capacità, a livello decisionale, di alzare il telefono, di cercare un po’ di chiarezza o di fornire un po’ di contesto, allora ci sarà sempre il rischio che le supposizioni si trasformino in azioni e reazioni irrecuperabili”. Da un lato la leadership cinese seleziona con accuratezza le azioni diplomatiche per cercare di mostrare i limiti della guida americana e dividere il fronte occidentale, come nel caso della missione in Ucraina, Russia e Ue dell’inviato speciale Li Hui. Dall’altro però esiste un iperattivismo dello spionaggio cinese nei confronti dell’America che tradisce la volontà di creare per Pechino un vantaggio, soprattutto in caso di crisi. L’esempio più eclatante di questa strategia è quello del pallone aerostatico spia abbattuto dai jet americani il 4 febbraio scorso, che aveva sorvolato aree sensibili degli Stati Uniti e trasportava equipaggiamento per la ricognizione. Ma c’è di più: la scorsa settimana Microsoft ha fatto sapere che il gruppo hacker Volt Typhoon, sponsorizzato dal governo cinese, sin dalla metà del 2021 ha preso di mira “infrastrutture critiche a Guam e altrove negli Stati Uniti”. Osservando il comportamento del gruppo, Microsoft ha concluso che “l’attore intende effettuare spionaggio e mantenere l’accesso senza essere rilevato il più a lungo possibile” per sviluppare capacità “che potrebbero interrompere le infrastrutture di comunicazione critiche tra gli Stati Uniti e la regione asiatica durante crisi future”. L’altro ieri Usa Today ha rivelato che alcuni cittadini cinesi sono stati fermati nei pressi di Fort Wainwright, base militare dell’esercito americano a Fairbanks, in Alaska: stavano cercando di entrare nella base, e quando sono stati fermati hanno detto di essere turisti che si erano persi. Nella loro auto è stato trovato un drone da ricognizione. Era già successo nel 2018 alla Naval Air Station di Key West, in Florida, quando un turista cinese è riuscito a entrare e fare delle foto, e poi di nuovo nel 2020 nello stesso posto – finì con diversi arresti. Nel 2019 una cittadina cinese è stata condannata a otto mesi dopo essersi introdotta nella residenza di Trump a Mar-a-Lago con uno zainetto di dispositivi per lo spionaggio.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT