mercoledi` 22 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
26.05.2023 Ue-Russia, il caso dei 200 miliardi
Analisi di David Carretta

Testata: Il Foglio
Data: 26 maggio 2023
Pagina: 1
Autore: David Carretta
Titolo: «200 miliardi russi»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 26/05/2023, a pag. 1, con il titolo "200 miliardi russi", il commento di David Carretta.

Immagine correlata
David Carretta

Analysis: EU faces a complex task as it tries to agree Russia sanctions |  Reuters

Bruxelles. Ammontano a circa 200 miliardi di euro gli attivi della Banca centrale russa congelati dagli stati membri dell’Unione europea. Era stata la principale sanzione contro la Russia, adottata dopo l’avvio della guerra di aggressione contro l’Ucraina grazie allo zampino di Mario Draghi. Ci sono altri 24 miliardi di beni congelati che appartengono a cittadini o entità russi finiti nella lista nera europea. E’ un bottino che l’Ue vorrebbe utilizzare per aiutare Kyiv a continuare a difendersi e per finanziare la ricostruzione post bellica. Ma, tra prudenze politico-economiche e paure giuridiche, all’Ucraina rischiano di arrivare soltanto gli spicci. A meno che i 200 miliardi di euro non siano utilizzati come arma per costringere la Russia a pagare i danni della sua guerra. Il Financial Times ieri ha raccontato che gli stati membri dell’Ue stanno discutendo di come usare a favore dell’Ucraina i 200 miliardi congelati della Banca centrale russa. Nessuna nuova rivelazione: la Commissione ha presentato le sue proposte il 30 novembre del 2022. L’Ue non ha aderito alla richiesta di Kyiv di trasferire tutti i beni congelati. Il principale ostacolo è di carattere giuridico. “Gli attivi congelati rimangono di proprietà dello stato russo”, spiega al Foglio un funzionario europeo: “Non c’è nessuna norma giuridica che consenta la confisca. Una volta revocate le sanzioni, gli attivi devono tornare alla Russia”. L’Ue teme di esporsi a una serie di contenziosi lanciati da Mosca davanti ad arbitrati e tribunali internazionali. In caso di decisione avversa, il rischio sarebbe di dover restituire tutto, anche se i 200 miliardi sono già nelle casse di Kyiv. Poi c’è la prudenza economico-politica. Con un tratto di penna su un decreto presidenziale di nazionalizzazione, Vladimir Putin potrebbe lanciare una rappresaglia contro le imprese europee che continuano a operare in Russia. Di fronte a questi rischi, l’idea della Commissione è di creare una struttura finanziaria ad hoc per gestire i fondi pubblici congelati e investirli. Gli interessi e i profitti dovrebbero essere poi usati a favore dell’Ucraina. Dallo scorso novembre c’è stato qualche progresso nelle discussioni tra i ventisette. L’obiettivo ora è arrivare a una decisione entro il Consiglio europeo di fine giugno. Ma, per quanto utile, il meccanismo permetterebbe di far arrivare a Kyiv una somma infinitamente più piccola del bottino russo. Lo dimostrano i dati resi pubblici dal Belgio, il paese in cui si concentra gran parte degli attivi russi congelati: 196,6 miliardi, di cui 180 miliardi della Banca centrale. La ragione è la sede in Belgio di Euroclear, una società che regola le transazioni e funge da depositaria centrale di titoli. Euroclear lo scorso anno ha dichiarato 821 milioni di euro di interessi sugli attivi russi congelati. Nel 2023 la cifra dovrebbe essere più alta, ma difficilmente supererà un paio di miliardi di euro, che è poco più di quanto l’Ue versa ogni mese all’Ucraina per il bilancio corrente. Inoltre, alcuni stati membri hanno dubbi sulla possibilità giuridica di usare anche solo gli interessi. Altri stati membri vogliono proteggere Euroclear da eventuali ricorsi. In ogni caso, l’Ue preferirebbe avere un accordo a livello internazionale. Complessivamente i partner del G7 hanno congelato circa 300 miliardi di euro della Banca centrale russa. Tra i partner occidentali dell’Ucraina, chi si è mosso più rapidamente è stato il Canada, che nel giugno del 2022 ha adottato una legge per confiscare gli attivi di persone e entità russe sanzionate. Gli Stati Uniti sono stati più prudenti. A inizio mese il procuratore generale, Merrick Garland, ha autorizzato per la prima volta il trasferimento di fondi russi congelati per la ricostruzione dell’Ucraina (poco più di 5 milioni di euro dell’oligarca Konstantin Malofeev), ma perché erano il frutto di violazione di precedenti sanzioni. Per l’Ue, una soluzione alternativa è quella adottata dal Belgio: versare a Kyiv le entrate fiscali aggiuntive derivanti dalle tasse sui profitti generati degli attivi russi investiti. Per il 2023 il governo belga stima di poter incassare 625 milioni di euro in tasse. “Queste entrate addizionali saranno usate solo per l’Ucraina”, ha spiegato ad aprile il premier Alexander De Croo. A maggio il Belgio ha staccato un primo assegno da 92 milioni per aiuti militari e umanitari. Ma si tratterebbe comunque di una somma irrisoria. La Commissione è convinta che i 200 miliardi della Banca centrale russa possano rivelarsi utili nel dopoguerra. La loro restituzione alla Russia potrebbe essere legata a un accordo di pace che includa i danni di guerra. Solo dopo che l’Ucraina avrà ricevuto le riparazioni da Mosca, l’Ue scongelerà i 200 miliardi e li restituirà alla Russia.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT