lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
24.05.2023 Il ritorno del criminale Assad
Editoriale del Foglio

Testata: Il Foglio
Data: 24 maggio 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Un clima diverso per Assad»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 24/05/2023, a pag. 3, l'editoriale "Un clima diverso per Assad”.

Putin set to host Assad at the Kremlin | MEO
Bashar al-Assad, Vladimir Putin

La pazienza glaciale di Bashar el Assad si conferma la più micidiale delle armi a sua disposizione. Gli attacchi chimici lanciati contro i civili inermi, fra cui molti bambini, la distruzione di Aleppo patrimonio dell’Unesco, la scomparsa di centinaia di migliaia di dissidenti per mano del Mukhabarat, i suoi spietati servizi segreti. Con gli anni, tutto sembra essere dimenticato, sia in medio oriente sia in occidente. Il ministro della Salute del “macellaio” di Damasco ieri sedeva ai tavoli del quartier generale dell’Organizzazione mondiale della sanità di Ginevra. Sorrisi, incontri, strette di mano anche con il collega rumeno, paese dell’Unione europea da cui – coincidenza – viene anche il controverso Dan Stoenescu, capo della diplomazia europea a Damasco. Dal punto di vista di Assad, il momento più “esaltante” della sua riabilitazione internazionale è stato il ritorno nella Lega araba. Ma nei suoi piani, quello non è che il primo passo. La settimana scorsa gli Emirati Arabi Uniti, principali facilitatori della normalizzazione, hanno recapitato ad Assad l’invito ufficiale alla prossima Cop28 per il clima, in programma a Dubai alla fine dell’anno. Uno “scherzo malato”, l’ha definito Amnesty International, ma se è vero che non sembra esserci un limite al cinismo nel ritorno alla ribalta di Assad, è altro a spaventare ancora di più. E’ la sostanziale indifferenza dell’occidente. Quella dell’Onu, in primis, che patrocina la conferenza internazionale sul clima e che si ritroverà nella situazione surreale di accogliere nelle buvette un criminale che ha riversato gas sarin e bombe al cloro contro il suo stesso popolo, come appurato dalle indagini condotte in questi anni dalle stesse Nazioni Unite. E poi quella di Stati Uniti ed Europa, che da mesi ripetono la loro formuletta stanca: noi non intendiamo normalizzare le relazioni con Assad, ma se altri vogliono sono liberi di farlo. Un modo per non lasciare le proprie impronte digitali sulla riabilitazione del dittatore di Damasco.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT