giovedi` 23 maggio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.05.2023 Se l’Onu piange la nascita d’Israele
Europa e America contro il primo “Nakba Day” delle Nazioni Unite

Testata: Il Foglio
Data: 17 maggio 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Se l’Onu piange la nascita d’Israele»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 17/05/2023, a pag. 3, l'editoriale "Se l’Onu piange la nascita d’Israele”.

Commemoration of the 75th anniversary of the Nakba at UN Headquarters in  New York - Question of Palestine
Un manifesto di propaganda sulla Nakba


Il 29 novembre 1947, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che sancì la fondazione di uno stato ebraico nell’allora ex Palestina mandataria. Il riconoscimento da parte delle Nazioni Unite del diritto del popolo ebraico a fondare il proprio stato è irrevocabile, almeno sulla carta. Questo diritto è il diritto naturale del popolo ebraico ad essere, come tutti gli altri popoli, padrone del proprio destino nel proprio stato sovrano. Per i palestinesi, invece, è la “nakba” (catastrofe). Sei paesi arabi (Egitto, Siria, Libano, Transgiordania, Arabia Saudita e Iraq) invasero Israele a poche ore dall’indipendenza, con un attacco che Azzam Pasha, Segretario generale della Lega araba, definì “una guerra di sterminio, un colossale massacro di cui si parlerà come dei massacri mongoli e delle crociate”. Adesso per la prima volta le Nazioni Unite organizzano un evento che segna il “Giorno della Nakba” palestinese all’Assemblea generale. Lo scorso novembre, 90 paesi su 193 membri delle Nazioni Unite hanno votato per commemorare ufficialmente il “Nakba Day”. Gli Stati Uniti e il Regno Unito, insieme ad altri paesi europei, hanno dichiarato che non avrebbero partecipato. Nelle scorse ore, da Gaza sono stati lanciati quasi mille missili sulle città d’Israele, raggiungendo Gerusalemme e Tel Aviv, dopo che Israele aveva eliminato i comandanti militari del jihad islamico. Nello stato ebraico c’è anche l’ondata di attentati dalla Cisgiordania. Il ciclo dell’intossicamento non sembra dunque avere mai fine. Israele non accetta la soluzione approntata nel 1948 per gli ebrei da Pasha. E l’Onu non dovrebbe farsi portavoce del fronte del rifiuto. Bene che America ed Europa stiano alla larga.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT