venerdi 19 luglio 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
12.05.2023 I piani di Putin per Israele e Ucraina
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 12 maggio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Si incontrano i ministri di Turchia, Siria, Russia e Iran»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 12/05/2023, a pag. 1, con il titolo "Si incontrano i ministri di Turchia, Siria, Russia e Iran", l'analisi di Micol Flammini.

A destra: Vladimir Putin con l'iraniano Raisi

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Roma. Il giorno dopo la parata della vittoria, in cui il Cremlino è riuscito a racimolare la presenza della maggior parte dei leader della Comunità degli stati indipendenti, la Russia ha mandato un altro segnale per dimostrare all’occidente che non soltanto non è isolata, ma con i suoi alleati è pronta a rimodellare il medio oriente. Mercoledì Mosca ha ospitato una riunione dei ministri degli Esteri di Turchia, Siria e Iran con l’obiettivo di promuovere la normalizzazione delle relazioni tra Ankara e Damasco, che si sono interrotte con la guerra in Siria. Era dal 2011 che i ministri degli Esteri dei due paesi non si incontravano e oggi i rapporti con il dittatore siriano Bashar el Assad sono anche al centro delle elezioni presidenziali turche: si vota domenica 14 maggio. Sia il presidente in carica, Recep Tayyip Erdogan, sia il suo sfidante, Kemal Kiliçdaroglu, vorrebbero restaurare i rapporti con Damasco, il secondo in modo più spedito del primo, a tutti e due sta a cuore la possibilità di rimandare in Siria i 3,6 milioni di rifugiati che sono in Turchia. Al termine dell’incontro a Mosca, i quattro ministri hanno detto di essere impegnati a rispettare la sovranità della Siria sul suo territorio e nella necessità di combattere il terrorismo. Il comunicato conteneva anche una richiesta di aiuti internazionali per la ricostruzione del paese, che è la parte che più interessa in questo momento ad Ankara per il ritorno dei profughi siriani nelle loro case. Il Cremlino teneva molto a questo incontro e la normalizzazione dei rapporti tra Erdogan e Assad è tra i suoi obiettivi principali per motivi che hanno anche a che vedere con l’Ucraina. Non a caso alla riunione è stato invitato anche l’Iran, in attesa che dalla Siria si ritirino quanto prima la missione americana e i militari turchi che sono nel nord del paese. Teheran cerca di aumentare la sua influenza in Siria e Mosca sta cercando di renderlo possibile. Nel paese devastato, l’Iran cerca un altro punto da cui minacciare Israele: i fronti israeliano e ucraino sono vicini come non mai. Da alcuni mesi Gerusalemme registra un aumento pericoloso degli attacchi contro il suo territorio. Il mese scorso dal Libano, gli uomini di Hamas che si trovano a sud del paese, hanno lanciato razzi contro Israele, che ha risposto colpendo gli obiettivi legati al gruppo terroristico palestinese, lasciando fuori Hezbollah, le milizie finanziate e armate dall’Iran. Questa settimana invece, dopo i razzi di inizio maggio sparati dal Jihad islamico per la morte in carcere del terrorista palestinese Khader Adnan, Israele ha risposto con un raid nella Striscia di Gaza per eliminare alcuni uomini del Jihad islamico durante l’operazione “Scudo e freccia”. I terroristi hanno reagito con centinaia di missili che sono arrivati fino a Tel Aviv. Non è stato possibile negoziare un cessate il fuoco, nonostante il tentativo di mediazione egiziano, e Israele ha continuato a eliminare altri obiettivi del Jihad islamico, decidendo di tenere fuori gli uomini di Hamas, che difficilmente non erano al corrente del lancio dei missili dalla Striscia. Dietro tutti questi attacchi contro Israele c’è la regia dell’Iran, che da tempo tenta di mettere insieme i nemici di Gerusalemme e qualora Teheran riuscisse a stabilire il suo controllo in Siria avrebbe più opportunità, tutte ovviamente con l’assenso di Mosca. Nei piani del Cremlino, i destini di Israele e dell’Ucraina sono molto uniti.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT