venerdi 19 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.05.2023 Putin: Inasprire le sanzioni
L’economia russa è in ripresa, servono misure economiche più incisive

Testata: Il Foglio
Data: 10 maggio 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Putin: Inasprire le sanzioni»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/05/2023, a pag.3, l'editoriale "Putin: Inasprire le sanzioni".

U.S. Imposes Semiconductor and Aviation Tech Sanctions on Russia - Nextgov

Secondo le previsioni di Izvestia, uno dei quotidiani russi più diffusi, nel 2023 il pil crescerà dello 0,9 per cento: uno scenario più ottimistico di quello del Fmi (+0,7 per cento) e più pessimista di quello del ministero dell’Economia russo (+1,2 per cento). La ripresa dovrebbe essere sostenuta dalla domanda interna e dal riorientamento delle esportazioni in Cina e India. Tuttavia, ci sono molti “se” e “ma”. Gli esperti consultati sottolineano che la crescita sarà influenzata dalla “situazione geopolitica” e dalle “restrizioni esterne”, ovvero dall’andamento della guerra e dall’efficacia delle sanzioni. Molto, soprattutto, dipende da quanto le sanzioni vengono rafforzate. Nel 2022 l’economia russa si è contratta del 2,1 per cento, molto meno delle previsioni iniziali di crolli tra il 7 e il 12 per cento. Le sanzioni, che il primo anno hanno riguardato essenzialmente le importazioni, hanno indebolito le capacità tecnologiche e di sostenere la macchina bellica, ma la Russia ha saputo sfruttare le falle e i limiti delle sanzioni per contenere i danni, soprattutto usando l’enorme surplus garantito dalle entrate di gas e petrolio (non sanzionati). Da fine 2022, le sanzioni colpiscono anche l’export, in particolare il settore petrolifero, che ne sta risentendo. Ma non basta. In vista del G7 di Hiroshima del 19 maggio i leader occidentali devono decidere se è arrivato il momento di inasprire le misure, come chiedono diverse organizzazioni, come il gruppo di esperti sulle sanzioni Yermak-McFaul o la Kyiv School of Economics. Tra le proposte c’è il rafforzamento delle sanzioni su petrolio e gas, sull’export non energetico, il sostegno alla dismissione delle imprese occidentali dalla Russia, un rafforzamento generale della compliance e l’applicazione di sanzioni secondarie a paesi terzi. Su quest’ultimo aspetto, le proposte dell’undicesimo pacchetto di sanzioni della Commissione europea vanno nella giusta direzione, eppure per molti governi è un passo troppo audace. Ma sono proprio su queste esitazioni che Vladimir Putin continua a scommettere.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT