domenica 23 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
22.03.2023 Famiglie gay: Meloni governa davvero? Lo dimostri e non sottovoce
Commento di Simone Canettieri

Testata: Il Foglio
Data: 22 marzo 2023
Pagina: 1
Autore: Simone Canettieri
Titolo: «'Così non va bene'»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 22/03/2023, a pag.1 con il titolo 'Così non va bene' l'analisi di Simone Canettieri.

flash! colpo del 'foglio': il giornalista politico simone canettieri lascia  il 'messaggero' - Dagospia
Simone Canettieri


Giorgia Meloni

Roma. “Così non va bene”. L’altro giorno Giorgia Meloni ha perso la pazienza. Si è sfogata in privato. E ha fatto sapere all’esterno di essere contrariata. La misura per la premier era davvero colma. Prima c’è stato il vicepresidente della Camera Fabio Rampelli che sabato sera a “In Onda” su La7 ha parlato di coppie gay che non possono “spacciare” bambini per propri figli. Apriti cielo. Poi lunedì è stata la volta dell’accoppiata Mollicone-Malan. Con il primo, presidente della commissione Cultura della Camera, che sempre in tv ha sostenuto che la maternità surrogata è un reato grave, “più grave della pedofilia”. E il secondo, capogruppo in Senato, che su Twitter ha affermato che “le coppie omogenitoriali non esistono”. Con tanto di foto di due papà con in braccio un bebè. Tre esponenti di Fratelli d’Italia al centro di polemiche feroci. Che sono cadute, alla fine, addosso a lei: la premier e presidente del partito. Sicché Meloni ha preso il cellulare e ha scritto d’imperio: “Così non va bene”. Lo ha voluto mettere a verbale in una chat interna dove da ore rimbalzavano i link di queste sparate, con annesse le reazioni dell’opposizione (la “capa” continua a essere presente in tantissimi gruppi dove legge tutto e quando capisce che la situazione inizia a essere insostenibile scrive e sbotta, come in questo caso). Attenzione: in questa presa di distanza dai suoi parlamentari non c’è una repentina svolta di Meloni su questi temi. Non è diventata, e non vuole esserlo, Giorgia Schlein né farsi chiamare Elly Meloni. E’ pur sempre la leader del tormentone di quando era all’opposizione, “genitore 1, genitore 2”. Tuttavia in particolare le hanno dato fastidio il tono e le espressioni usate dai suoi. L’uso delle parole vanno scelte con estrema cura, si è sfogata, soprattutto adesso che il partito con la fiamma, il suo, governa il paese. Sulla maternità surrogata, è il ragionamento di Meloni, la linea non cambia. Anzi, c’è un progetto di legge incardinato in Parlamento a firma di Fratelli d’Italia, solo che sull’argomento d’ora in poi l’unica deputata a parlarne sarà Eugenia Roccella, ministro della Famiglia, come è d’altronde accaduto sempre domenica in tv da Lucia Annunziata. Gli altri è meglio che si occupino d’altro. La faccenda però è molto più complessa: agita le viscere dell’aspirante partito della nazione e in un certo senso, di rimbalzo, anche l’inquilina di Palazzo Chigi. In Via della Scrofa, sede di Fratelli d’Italia, da settimane si trovano davanti a un problema: non sanno più chi mandare in televisione a parlare di governo nei talk. Francesco Lollobrigida corre di qua e di là, ma seppur ministro di peso e della real casa, è difficile che riesca a sdoppiarsi. Gli altri grandi polemisti e animali da telecamera – Giovanni Donzelli, Andrea Delmastro e Augusta Montaruli – sono fuorigioco da un po’ per vicende varie (la rivelazione dei documenti sul caso dell’anarchico al 41 bis Alfredo Cospito per i primi due e le dimissioni da sottosegretario all’Istruzione per la deputata dopo la sentenza della Cassazione). Rimane arruolabile per ora solo Chiara Colosimo, parlamentare della Fiamma magica, onnipresente infatti in tutte le trasmissioni, ma anche lei non ha il dono dell’ubiquità. E così Rampelli e il fedelissimo Mollicone, considerati minoranza interna, imperversano in tv. Di fatto sono loro la voce del governo spesso e volentieri, compreso quando se ne escono con sortite abbastanza discutibili almeno dal punto di vista lessicale. Oltre a questo aspetto, interno ma fondamentale, c’è poi la proiezione esterna della leader. Meloni come capo di governo gira molto. Spesso si trova fuori dall’Italia per missioni all’estero. E’ molto attenta alla stampa straniera. E l’idea che qualcuno le chieda di commentare espressioni che non condivide su temi così delicati, quanto diffusi nel 2023, proprio non le va giù. Anche qui vale il discorso di prima, non c’è una svolta sui diritti delle famiglie arcobaleno nell’orizzonte del governo, ma una cosa è tenere saldi alcuni principi, altra è strabordare con affermazioni forti che poi diventano boomerang. O di sicuro l’apertura di un fronte, l’ennesimo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT