domenica 14 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.03.2023 Crolla il Credit Suisse
Una lezione di realismo

Testata: Il Foglio
Data: 16 marzo 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Crolla il Credit Suisse»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 16/03/2023, a pag.3, l'editoriale "Crolla il Credit Suisse".

Credit Suisse, ecco perché è scoppiato il caso. Titolo ai minimi di sempre  - Il Sole 24 ORE

Silicon Valley chiama Svizzera e un brivido scorre per le borse mondiali. Nessuno immaginava che il pericolo potesse venire proprio dalla repubblica elvetica per oltre un secolo sinonimo di solidità e sicurezza bancaria, almeno finché manteneva il segreto. Oggi che i libri sono aperti, le magagne vengono fuori. E’ quel che sta accadendo al Credit Suisse. Ieri alla Borsa di Zurigo ha perso il 30 per cento, trascinando al ribasso i titoli di tutte le banche (l’indice Ftse delle banche italiane è sceso del 7,6). La Bce ha chiesto alle banche dati sulla loro esposizione presso il Credit Suisse. La bomba è scoppiata quando l’azionista numero uno, la Saudi National Bank (Snb), ha dichiarato che non fornirà altra liquidità non potendo salire oltre il 10 per cento del capitale acquistato lo scorso anno. Il Credit Suisse ha alzato bandiera bianca e ha chiesto aiuto alla Banca centrale. Il titolo era sotto pressione dopo che la banca aveva ammesso di aver trovato “concrete debolezze” nelle relazioni finanziarie degli ultimi due anni a causa di controlli interni inefficaci. Dunque altre malefatte gestionali come negli States? Sono poche mele marce, si dice, però si guastano in un ambiente diventato favorevole alla decomposizione degli equilibri ai quali il sistema finanziario era abituato ormai da un decennio. Bisogna ammettere che con un costo del denaro in aumento le banche rischiano un peggioramento dei crediti in sofferenza e una svalutazione dei titoli a tasso fisso dei quali si erano riempite. Questo è vero negli Usa e forse ancor più nella Ue. Secondo i dati dell’Eba le banche dell’Unione possedevano nel 2022 titoli governativi per 3.300 miliardi di euro. Quelle italiane detengono Btp per 384 miliardi di euro più 200 miliardi di altre obbligazioni. La metà dei titoli di stato è congelata e non sarà venduta. Anche se il valore scende non creerà buchi nei bilanci. Questo artificio contabile rappresenta un salvagente, tuttavia non cancella i rischi insiti nella stretta monetaria. Da più parti si chiede che la vigilanza europea si muova in tempo e che la Bce, riunita oggi per aumentare di nuovo i tassi, faccia un bagno di realismo e dia prova di saggia moderazione.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT