sabato 20 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
15.03.2023 Usa, il pericolo DeSantis
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 15 marzo 2023
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «Siamo tutti a rischio quando Ron DeSantis definisce la guerra di Putin una “disputa territoriale”»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 15/03/2023, a pag. 1, con il titolo 'Siamo tutti a rischio quando Ron DeSantis definisce la guerra di Putin una “disputa territoriale” ', l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Ron DeSantis's plan to strip First Amendment rights from the press - Vox
Ron DeSantis

Milano. Gli Stati Uniti hanno molti “interessi di vitale importanza”, cioè che riguardano la sopravvivenza stessa del paese, ha detto il governatore della Florida, Ron DeSantis: “Rimanere intrappolati sempre di più in una disputa territoriale tra Ucraina e Russia non è tra questi”. Conservatore con ambizioni presidenziali e una buona popolarità tra gli elettori del Partito repubblicano, DeSantis ha liquidato la guerra d’aggressione di Vladimir Putin all’Ucraina come una “disputa territoriale”, che quanto a ridimensionamento fa il paio con l’oscena “operazione speciale” di cui va parlando il Cremlino da più di un anno. DeSantis ha anche detto, nel caso non fosse chiaro che per lui in gioco non c’è la tenuta democratica del mondo: “Gli F-16 e i missili a lungo raggio dovrebbero essere fuori discussione: queste decisioni getterebbero gli Stati Uniti nel conflitto e ci avvicinerebbero a una guerra calda tra le due più grandi potenze nucleari del mondo”. “Questo rischio è inaccettabile”, dice DeSantis. E ancora: “Una politica di regime change in Russia, popolare tra gli interventisti a Washington, aumenterebbe notevolmente la posta in gioco, rendendo più probabile l’uso di armi nucleari. Tale politica non fermerebbe la morte e la distruzione della guerra, né genererebbe un costituzionalista filoamericano, madisoniano al Cremlino. La storia ci indica che il successore di Putin, in questa ipotesi, sarebbe probabilmente ancora più spietato di lui. I costi per raggiungere un risultato così incerto potrebbero diventare astronomici”. Con questo intervento presso il pubblico filoputiniano della trasmissione su Fox News di Tucker Carlson, DeSantis si è posizionato, nel dibattito interno al Partito repubblicano, nell’area trumpiana, contro altri esponenti come l’ex vicepresidente Mike Pence e l’ex ambasciatrice all’Onu Nikki Haley che pure hanno avuto notevoli connivenze con il trumpismo ma che oggi riconoscono che in Ucraina si difende “la libertà” di tutto l’occidente. Poiché questi sono i nomi che circolano oggi per le presidenziali del 2024; poiché tra questi DeSantis è considerato solido e in grado di normalizzare gli eccessi di Donald Trump e di farli diventare politica (molti intendono questa cosa in modo promettente), l’aver espunto la difesa dall’aggressione russa dalla lista degli interessi nazionali da proteggere non è cosa di poco conto: non lo è per Kyiv, che resiste e contrattacca grazie al sostegno americano (sostegno militare, finanziario e valoriale); non lo è per l’Europa, che s’è convinta, unita, allineata grazie alla leadership del presidente americano Joe Biden; non lo è nemmeno per l’America stessa che da anni si tormenta sulle sue priorità, sulla sua sicurezza, sul suo ruolo nel mondo, sulla tenuta del suo sistema democratico. Putin ha scommesso su questi tormenti, ha creduto non soltanto alla propaganda di Fox News ma anche alle teorie decliniste che davano per spacciati l’eccezionalismo americano (diventato sinonimo, anche per molto establishment conservatore, di imperialismo inefficace) e la capacità del paese che guida l’occidente di saper difendersi e difendere i suoi alleati. Se ora il Partito repubblicano vuole riconquistare la presidenza rilanciando la scommessa putiniana, ne va della sicurezza di tutti e dell’essenza stessa dell’americanità. Citando Biden poco prima del voto di midterm dell’anno scorso: “Ci sono molti candidati che non vogliono nemmeno accettare l’esito delle elezioni cui partecipano. Questa è la strada per il caos, è senza precedenti, è senza legittimità, è così un-American”. Le parole di DeSantis proiettano questo pericolo su scala globale, durante una guerra che si vince soltanto se l’America fa l’America.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT