lunedi` 24 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
04.03.2023 Putin, crescono le menzogne
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 04 marzo 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Confini di burro»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 04/03/2023, a pag. 1, con il titolo "Confini di burro", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Is Today's Russia a Relic of the Past? | Perspectives on History | AHA

Roma. Ieri mattina l’Fsb, i servizi di sicurezza di Mosca, ha pubblicato un video in cui mostrava gli effetti dell’incursione di giovedì di uomini armati in due villaggi della regione russa di Bryansk: una macchina crivellata di colpi con un cadavere all’interno, armi, edifici distrutti e mine. Nelle stesse ore il finanziatore del gruppo Wagner, Evgeni Prigozhin, si faceva riprendere mentre sosteneva di essere dentro alla città ucraina di Bakhmut e con tre ostaggi accanto intimava al presidente Volodymyr Zelensky di abbandonare la zona. Il video dell’Fsb è stato pubblicato quando ormai iniziava a essere strano che della giornata di terrore dentro al territorio di Mosca non ci fossero immagini, prove e poco si sappia di cosa sia effettivamente avvenuto. Secondo alcuni esperti, anche per l’insistenza sui dettagli, le immagini non sono autentiche. Anche il filmato di Prigozhin è stato smentito dai servizi ucraini: non si trovava a Bakhmut ma a Paraskoviivka, una cittadina catturata il 20 febbraio. Con questa guerra la Russia vuole espandere il suo territorio, parla costantemente di difesa dei confini russi, dentro ai quali include anche quelli delle zone occupate in Ucraina, ma oltre a non aver chiaro quali siano questi nuovi confini, dopo l’attacco di giovedì sul proprio territorio – quello che anche la comunità internazionale riconosce come tale – ha dimostrato grande difficoltà a controllare e proteggere le frontiere di sua pertinenza. Ieri il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una riunione del Consiglio di sicurezza e ha annunciato nuove misure contro “i sabotaggi e il terrorismo” al confine. Probabilmente quella di giovedì non è stata neppure la prima incursione, ma quarantacinque uomini armati che riescono a passare dal territorio ucraino a quello russo – due paesi in guerra – non è un’impresa da poco. Putin ha detto che Mosca deve proteggersi dai terroristi, i “sabotatori” che vengono dall’Ucraina, ma è da molti anni che la Russia ha dei problemi a controllare i suoi confini: nel 2004 sono stati aboliti gli avamposti che presidiavano il perimetro del paese; nel 2005 sono state abolite anche le truppe di frontiera, sostituite da una nuova autorità con numeri ridotti. Giovedì è stato il Corpo volontario russo (Rdk) a fare un’ incursione, si tratta di un gruppo di estrema destra che dice di opporsi a Putin e che ha preso parte alla guerra in Ucraina contro l’esercito russo. Non si sa cosa sia successo davvero nella regione di Bryansk, ma la rivendicazione plateale dell’Rdk potrebbe aver avuto l’obiettivo di mostrare le debolezze del confine russo e se Mosca vorrà porre rimedio avrà bisogno di uomini che non potrà quindi mandare al fronte. Un’altra incursione era stata denunciata dalla Russia a fine dicembre, l’Fsb anche in quel caso aveva mostrato delle immagini tardive per documentare la presenza dei “sabotatori ucraini” che in quel caso sarebbero stati uccisi. Il sito di inchiesta Insider tuttavia aveva notato alcune incongruenze: per esempio gli uomini indossavano delle scarpe con la suola liscia, non adatte a percorrere chilometri su un terreno accidentato. Forse l’incursione non era mai avvenuta o forse Mosca non era riuscita a fermare gli uomini e per non mostrare le falle nel suo sistema ai confini aveva messo in scena la loro morte. Kyiv non ha mai ammesso di essersi introdotta in Russia, i collaboratori di Zelensky hanno rilasciato dichiarazioni sibilline, come spesso accade riguardo alle operazioni nel territorio russo. Negli ultimi giorni si sono verificati esplosioni e attacchi in Russia, ieri anche vicino Mosca, e l’entrata e l’uscita dei quarantacinque uomini armati potrebbero essere parte di un disegno razionale: non soltanto eliminare strutture strategiche, ma anche far sentire ai russi che la guerra è in casa, almeno da un anno e Putin non li sta proteggendo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT