martedi` 18 giugno 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.03.2023 L’Italia si rende autonoma dalla Russia
A gennaio crollate le importazioni da Mosca

Testata: Il Foglio
Data: 01 marzo 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’Italia si rende autonoma dalla Russia»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/03/2023, a pag. 3 l'editoriale "L’Italia si rende autonoma dalla Russia".

L'import in Russia dall'Italia nel 2019: dati dalla dogana russa

L’Italia ha quasi azzerato il deficit con la Russia, con un saldo commerciale che resta negativo ma si riduce rapidamente, insieme alla dipendenza dagli idrocarburi russi e al peso del dilemma politico di continuare a fornire entrate a un regime in guerra contro l’Ucraina e l’Europa. I dati Istat di gennaio sull’interscambio commerciale extra Ue offrono un quadro attribuibile per lo più al calo dei prezzi dell’energia, e fotografano una situazione in cui il confronto con l’anno precedente delinea un trend positivo. L’export italiano extra Ue infatti è aumentato sia rispetto a gennaio dell’anno scorso (+20,3 per cento) sia a dicembre, con un lieve aumento congiunturale per le esportazioni (+0,7 per cento) e una marcata flessione per le importazioni (-9,7 per cento). La flessione congiunturale dell’import – in calo per il quinto mese consecutivo – deriva soprattutto dalla diminuzione degli acquisti di energia, su cui hanno inciso favorevolmente il calo dei prezzi e quello dei volumi di gas, dopo mesi di aumenti esponenziali dei prezzi scatenati dalla guerra in Ucraina e dalle manipolazioni del Cremlino. Anche le esportazioni verso la Russia sono in calo, registrando su base annua un -37 per cento. Ma il mercato russo nel 2021 rappresentava appena l’1,5 per cento dell’export italiano, mentre è molto più significativa la riduzione di due terzi delle importazioni dalla Russia: un -67,3 per cento costituito prevalentemente dal crollo delle importazioni dai gasdotti, con la differenza però che fino al 2021 l’Italia era il secondo importatore di gas russo dopo la Germania. Aumentano anche le importazioni italiane dai principali partner extra Ue, come gli Stati Uniti (+35 per cento), i paesi del Mercosur (+30,1 per cento) e gli stati membri dell’Opec (+23,8 per cento), gettando le basi per nuove relazioni, non solo energetiche. Vladimir Putin ama ripetere che nessuno può isolare la Russia, e forse in parte è vero, ma di sicuro la Russia non può isolare l’Italia, e nessun paese europeo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT