venerdi 01 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.03.2023 Canfora come Putin
Analisi di Luciano Capone

Testata: Il Foglio
Data: 01 marzo 2023
Pagina: 1
Autore: Luciano Capone
Titolo: «'Russia accerchiata e guerra provocata dalla Nato'. Lo storico ripete le falsità dell’autocrate»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/03/2023, a pag. 1 l'analisi di Luciano Capone dal titolo " 'Russia accerchiata e guerra provocata dalla Nato'. Lo storico ripete le falsità dell’autocrate".

Putin: Russia's great propagandist | Financial Times

Roma. Da un comunista che disprezza Gorbaciov per aver indebolito e fatto dissolvere l’Unione Sovietica e che apprezza Stalin per averla fatta grande e potente è lecito aspettarsi simpatie per Vladimir Putin, che è in un certo senso erede della tradizione imperialista e stalinista. Ma da uno storico, pur nella consapevolezza della lettura ideologica degli eventi, ci si attende un po’ più di rispetto per la storia e per la verità dei fatti. Invece Luciano Canfora, ormai da tempo, ha abbracciato la linea e il metodo di Putin. Che vuol dire attribuire le responsabilità dell’invasione dell’Ucraina alla vittima e ai suoi alleati – Stati Uniti, Nato e Ue – e, per poterlo fare, manipolare la storia. Il Fatto quotidiano ha pubblicato la prefazione di Canfora a un libro che nel titolo sintetizza perfettamente la tesi di fondo: “Come l’Occidente ha provocato la guerra in Ucraina”.

Il giudizio di Luciano Canfora su Mussolini:
Luciano Canfora

Nelle sue pagine lo storico ripropone, senza filtri, tutto l’armamentario putiniano: gli Usa avevano detto a Gorbaciov che la Nato non si sarebbe allargata a est, ma hanno tradito la promessa; la Russia è stata “accerchiata” dalla Nato; in Ucraina c’è stato un “colpo di stato” nel 2014; la Russia ha cercato di proteggere la “minoranza russofona” in Ucraina (una cui larga parte però combatte da mesi con determinazione contro gli invasori russi, continuando a parlare russo). E ancora: Putin “pensò di cautelarsi con i due accordi di Minsk” sperando in un “congelamento dell’aspirazione dei nuovi governanti ucraini ad avviare trattative per un’adesione a Ue e Nato”; ma poi con l’arrivo di Zelensky, “uomo molto legato alla famiglia Biden”, c’è stata “un’accelerazione”. 
La duplice colpa dell’autocrate russo, secondo Canfora, è stata “fidarsi di promesse malfide” dell’Occidente a proposito dell’allargamento della Nato fin sotto il suo naso e “non capire la trappola in cui andava a cacciarsi aprendo la guerra guerreggiata per bloccare la guerra ‘invisibile’ (nei media occidentali) del nuovo regime ucraino contro la minoranza russofona”. In sostanza, il difetto di Putin è che è troppo buono: si è fidato dei suoi aggressori. Più che un sanguinario dittatore, è un grandissimo boccalone che è caduto nella “trappola perfetta della Nato” volta a farlo passare da “aggressore” quando in realtà lui, lo zar, è l’aggredito. Per un libello di propaganda filorussa, è una prefazione perfetta. Sebbene sarebbe stato più adatto l’ultimo discorso di Vladimir Putin, quello del 21 febbraio, alla vigilia dell’anniversario dell’inizio dell’“operazione militare speciale”, in cui il presidente russo ha esposto esattamente la storia ripetuta da Canfora: “L’espansione della Nato fino ai nostri confini”; il “colpo di stato del 2014” a Kyiv; la difesa della minoranza russofona in Donbas (nel cui nome Putin ha spianato al suolo intere città russofone che gli resistevano, come Mariupol). In sintesi, dice Putin: “Sono stati loro a iniziare questa guerra, mentre noi abbiamo usato la forza e la stiamo usando per fermare la guerra”. Il totale ribaltamento della realtà, che coincide con la tesi del libro elogiato da Canfora: è stato l’Occidente a provocare la guerra in Ucraina. 
Per recitare la parte del putiniano, però, Canfora deve necessariamente fare violenza al suo mestiere di storico. Deve affermare falsità storiche, come Putin. Due esempi. Canfora inizia scrivendo: “Al momento del disfacimento del Patto di Varsavia (1990), l’assicurazione, non formalizzata in accordo scritto (formulata dal segretario di Stato degli Stati Uniti James Baker a Gorbaciov), da parte statunitense e a nome della Nato, era stata che la Nato non avrebbe cercato di estendersi verso Est”. Quando avvenne l’incontro Baker-Gorbaciov, nel febbraio 1990, il Patto di Varsavia non era disfatto: esisteva ancora e nessuno pensava che un suo aderente avrebbe chiesto alla Nato di accoglierlo. Il dialogo nei primi mesi del 1990 tra Baker e Shevardnadze, e poi tra Baker e Gorbaciov, riguardava solo la riunificazione tedesca. Le poche parole pronunciate sulla Nato non erano affatto una “promessa”, ma la base di un negoziato sullo status della Germania dell’est che venne superato già pochi mesi dopo e accettato dall’Urss con la firma del Trattato sullo stato finale della Germania che sancì l’ingresso a pieno titolo della ex Ddr nella Nato (sul tema il recente libro “Not One Inch” della storica Mary E. Sarotte). E’ peraltro anche la versione di Gorbaciov che, in un’intervista del 2014, a proposito dell’incontro con Baker disse: “Il tema dell’espansione della Nato non è stato affatto discusso, e non è stato sollevato in quegli anni. Nessun paese dell’Europa orientale aveva sollevato la questione, nemmeno dopo che il Patto di Varsavia ha cessato di esistere nel 1991. Neppure i leader occidentali l’avevano sollevato”. Un’altra falsità di Canfora riguarda la posizione dell’ex segretario di Stato Usa Henry Kissinger, che secondo lo storico comunista nel maggio 2022 a Davos avrebbe “lanciato una proposta che si può sintetizzare così: impegno dell’Ucraina alla neutralità, a fronte di un ritorno dei confini prebellici (e dunque nessun tentativo, da parte ucraina, di riprendersi la Crimea)”. La sintesi è falsa. Kissinger, come ha poi precisato, non ha mai invitato l’Ucraina a cedere territori: ha semplicemente detto che la condizione per un cessate il fuoco era un ritorno allo “status quo ante”, ovvero un ritiro della Russia dai nuovi territori occupati per lasciare i vecchi territori contesi (parte del Donbas e la Crimea) a un negoziato. Si tratta, peraltro, della stessa condizione chiesta da Zelensky prima che la Russia annettesse unilateralmente quattro regioni dell’Ucraina. Quanto poi alla “neutralità” dell’Ucraina, proprio nell’ultimo intervento a Davos Kissinger ha detto l’esatto contrario: “Prima della guerra mi opponevo all’adesione dell’Ucraina alla Nato. Ora credo che l’idea di un’Ucraina neutrale non sia più perseguibile. Credo che l’ingresso dell’Ucraina nella Nato sarebbe un esito appropriato”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT