mercoledi` 24 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.02.2023 Putin isolato
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 01 febbraio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Mosca aggrappata a Stalingrado»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 01/02/2023, a pag. 1, con il titolo "Mosca aggrappata a Stalingrado", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Russians reduce number of its soldiers in Belarus to 5,800 | Ukrainska  Pravda

Roma. Il 2 febbraio del 1943 i soldati sovietici stremati respinsero i nazisti e inflissero a Hitler la prima grande sconfitta. A Stalingrado consegnarono al mondo il momento di rottura, il punto di svolta da cui costruire la vittoria contro il nazismo. Sono trascorsi ottant’anni e secondo il quotidiano Kommersant ai politici del partito Russia unita è stato chiesto di lanciarsi in confronti senza indugio tra la battaglia di Stalingrado e l’“operazione militare speciale in Ucraina”. Anche Vladimir Putin è atteso nella città che dal 1961 si chiama Volgograd, ma per l’occasione sta tirando su cartelli stradali con il pesante nome di Stalingrado. L’agenzia di stampa Ria Novosti ha mostrato un video in cui per le vie innevate veniva cambiata la segnaletica per riportare la Russia a un passato che non le appartiene. Nella battaglia di Stalingrado combattevano fianco a fianco russi e ucraini assieme a tutti gli altri popoli inglobati nell’Armata rossa, oggi, per volere del Cremlino, i soldati di Kyiv devono difendersi dall’assalto di Mosca. Secondo Russia unita “gli eventi di oggi porteranno risultati simili alla Grande guerra patriottica, il nemico scapperà e noi ci lanceremo verso la vittoria”. Come in uno specchio deformante, i russi ora sono il nemico da respingere: Stalingrado al contrario. Dichiarando la guerra contro l’Ucraina, Putin vuole riaffermare la grandezza della Russia, ma sta ottenendo l’opposto. Non soltanto Mosca è ormai isolata, trattata come un paria dai paesi che contano, una nazione disdegnata più che temuta. Ma anche a livello territoriale sembra non essere in grado di contenere le conseguenze della guerra iniziata contro il vicino che vorrebbe derubare di almeno cinque regioni: Donetsk, Luhansk, Kherson, Zaporizhzhia e la penisola di Crimea. Nel 2014, il Cremlino aveva occupato la Crimea, pensando di riappropriarsi di quello che considerava suo, di fare felice la popolazione locale, ma soprattutto il presidente Putin. La penisola ucraina era frequentata dai russi già prima dell’occupazione, i cittadini di Mosca, San Pietroburgo e altre città avevano le loro seconde case al mare, a fianco alle quali sorgevano quelle degli ucraini. Ora sono vuote, molti ucraini non vi fanno ritorno dal 2014, i russi non hanno più intenzione di andarci, la guerra fa paura, arrivarci è complicato, le acque solcate dalle navi da guerra non sono più appetibili. I russi stanno vendendo le loro case nel migliore dei casi, nel peggiore svendendo, ben consapevoli che nessuno, di questi tempi, ha voglia di stabilirsi in Crimea. Prima che una controffensiva ucraina per liberare la penisola sia partita, i cittadini di Mosca se ne stanno andando, abbandonando le loro proprietà e le loro pretese su un territorio che non gli appartiene. Mentre la Crimea si svuota, le regioni russe al confine con l’Ucraina si stanno militarizzando sempre di più. La regione di Kursk ospita una grande base militare e da quasi un anno i cittadini della zona affrontano una quotidianità stravolta, nella speranza di trasferirsi. Mal sopportano i soldati che girano per la zona in attesa di essere mandati in Ucraina, spesso ubriachi e combinando guai. Kursk, come regione abitata, si sta restringendo. A confermare questa tendenza della Russia a rimpicciolirsi, è stato il leader della Cecenia, Ramzan Kadyrov, un fedelissimo di Vladimir Putin, che nel suo ultimo video ha dichiarato che la sua regione fa parte della Russia soltanto perché ha bisogno di soldi, altrimenti sarebbe indipendente, e ha rimproverato l’occidente per non essersi fatto vedere mentre i ceceni lottavano per liberarsi di Mosca. Kadyrov guida la regione perché ha garantito a Putin che non lascerà posto a chi vuole l’indipendenza, nel frattempo si riempie di ricchezze e governa in modo ferino, ma se neppure lui sente di essere un cittadino della Federazione russa, sicuramente gli altri ceceni non ne hanno alcuna voglia. Nell’ingordigia di strappare all’Ucraina il suo territorio, la Russia sta perdendo regioni, alcune si spopolano, altre stanno con Mosca per convenienza e coercizione, ma si sentono altrove.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT