lunedi` 22 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
01.02.2023 Putin/Xi, due dittatori
Analisi di Giulia Pompili

Testata: Il Foglio
Data: 01 febbraio 2023
Pagina: 1
Autore: Giulia Pompili
Titolo: «Putin vuole Xi Jinping a Mosca per sentirsi meno isolato»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 01/02/2023, a pag.1, con il titolo "Putin vuole Xi Jinping a Mosca per sentirsi meno isolato" l'analisi di Giulia Pompili.

Immagine correlata
Giulia Pompili

Così la Cina fa da àncora di salvezza alla Russia sanzionata | Il Foglio
Vladimir Putin con Xi Jinping

Roma. A parlarne per ora è stato solamente il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il suo ministero degli Esteri: sarebbe prossima una visita di stato del leader cinese Xi Jinping a Mosca su invito del Cremlino, probabilmente entro “la prossima primavera”. Secondo Putin, la visita di Xi “dimostrerà al mondo intero la forza dei legami russo-cinesi su questioni chiave e diventerà il principale evento politico dell’anno delle relazioni bilaterali”. Da parte cinese non c’è stata alcuna conferma o smentita – una prassi, nel cerimoniale diplomatico di Pechino, che conferma le visite all’estero del leader Xi Jinping soltanto all’ultimo momento. Il tempismo dell’annuncio è però degno di nota: ieri, durante la conferenza stampa della portavoce del ministero degli Esteri di Pechino Mao Ning, al giornalista di Bloomberg che le chiedeva se fosse confermato, alla fine di questa settimana, l’arrivo del segretario di stato Antony Blinken in Cina, è stato risposto: “Non ho nulla da dire al momento”. Le manovre diplomatiche di questi giorni nel Pacifico – il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in visita a Seul e Tokyo, il segretario alla Difesa americano Lloyd J. Austin in Corea del sud e nelle Filippine – sono il segnale del fatto che la guerra della Russia contro l’Ucraina ha fatto sentire l’urgenza di mettere in sicurezza l’area del Pacifico dall’assertività cinese, ed è sempre più una priorità coinvolgere i partner asiatici nella costruzione di un fronte comune contro le autocrazie. Una eventuale visita di stato a Mosca di Xi è un segnale importante, non solo dal punto di vista diplomatico. Superato un anno di guerra tra meno di un mese, la Russia potrebbe avere bisogno di ancora più supporto da parte della seconda economia del mondo. Soprattutto ora, che i confini del “mondo libero” alleato dell’Ucraina si fanno sempre più netti. Secondo diverse analisi circolate ieri, è difficile pensare che la leadership cinese voglia entrare con un sostegno ancora più esplicito della Russia nella sua scellerata guerra contro Kyiv, ma la partnership tra Mosca e Pechino è destinata a rafforzarsi su altri fronti: nella linea di credito offerta dalla Cina alla Russia, e nella protezione diplomatica soprattutto nei consessi sovranazionali come il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E’ un problema per l’America, non solo per l’immagine di una Russia tutt’altro che isolata ma anche per la lezione che vorrebbe imparasse Xi Jinping dalla guerra nel caso di un’azione di forza contro Taiwan.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT