martedi` 16 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
31.01.2023 Terrore in Israele
Giulio Meotti intervista il generale Yossi Kuperwasser

Testata: Il Foglio
Data: 31 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «Terrore in Israele»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 31/01/2023, a pag. 1, l'intervista di Giulio Meotti dal titolo 'Terrore in Israele'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Analyst's dire Iran warning – The Australian Jewish News
Yossi Kuperwasser

Roma. “Stavolta è diversa, dura di più ed è molto più pericolosa delle precedenti ondate terroristiche, va avanti almeno da un anno ed è più profonda, anche perché non abbiamo visto azioni da parte dell’Autorità palestinese per contenere il terrorismo. Significa che non vogliono fermarlo. E che noi israeliani dobbiamo entrare in luoghi come Jenin e Nablus”. Parla così al Foglio Yossi Kuperwasser, ex generale dell’Idf, direttore generale del ministero degli Esteri israeliano e dell’unità di ricerca dell’intelligence militare di Gerusalemme. Si parla dell’ondata di attentati che ha sconvolto Israele negli ultimi giorni, la strage davanti alla sinagoga, il tentativo di uccidere un padre e un figlio e i tanti attentati falliti in questi giorni, all’ingresso della colonia di Kedumim, a Hebron e al raccordo Almog, vicino a Gerico. Il governo di Benjamin Netanyahu ha appena dislocato due battaglioni dell’esercito in più nei Territori, annunciato regole più facili per portare armi e la demolizione delle case dei terroristi che era stata interrotta per anni. C’è paura nel paese di un ritorno ai giorni bui dell’Intifada. Alcuni dipendenti dell’asilo Kochav Yam di Herzliya, città costiera, hanno condiviso parole di gioia sui social in seguito al massacro della sinagoga di venerdì sera, lodando il terrorista. “Realisticamente i terroristi palestinesi non vogliono niente, ma vogliono uccidere più ebrei possibili e cacciarci da quella che chiamano ‘Palestina’, e vogliono l’attenzione della comunità internazionale perché la questione palestinese era scesa nelle notizie” ci dice Kuperwasser. “Anche gli americani avevano perso interesse. I terroristi pensano che il terrore li riporterà al centro dell’attenzione”.

Il dominio di Abu Mazen, mai passato da elezioni, è ventennale e l’Autorità palestinese appare sclerotizzata, eppure da Gerusalemme non si vedono alternative al ritorno allo stato precedente: quando Israele governava sui milioni di palestinesi della Cisgiordania. “Non è questione di far collassare l’Autorità Palestinese, ma che smettano di pagare i salari dei terroristi, che sia corrotta e che non gli interessi del benessere dei palestinesi. Il mondo arabo non ha più interesse nei palestinesi e non vuole rimanere ostaggio della causa palestinese. Il governo Netanyahu non vuole che collassi l’Autorità palestinese, ma neanche rafforzarla”. Non è chiaro quanto il sentimento di convivenza sia davvero evoluto da Oslo in avanti nella popolazione palestinese. “Molti palestinesi, direi vicini alla maggioranza, non vogliono che gli ebrei vivano qui, sono stati educati a pensare che Israele sia la cosa peggiore mai capitata e se leggi la loro stampa in arabo è tutto su quanto terribile sia Israele. Cosa possiamo aspettarci? Molti sono vittime del lavaggio del cervello da parte della propaganda contro Israele. Sin da piccoli imparano ad ammirare i terroristi, i loro nomi sono ovunque dalle scuole alle strade”.

Il Jihad islamico palestinese è stato fondato nel 1981 identificandosi con la Rivoluzione islamica in Iran. Il comando del Jihad islamico ha sede in Siria e tiene incontri regolari con la leadership iraniana. Le guardie rivoluzionarie iraniane forniscono tra i cento e i centocinquanta milioni di dollari al Jihad palestinese. Qassem Suleimani, il defunto comandante della Forza al Quds iraniane, viaggiava attraverso la regione per fornire milioni di dollari e armi al Jihad attraverso vari canali, in particolare l’Egitto. “C’è un legame fra l’Iran e i terroristi palestinesi” ci dice Kuperwasser. “Il Jihad islamico a Jenin per esempio è diventato dominante e lì abbiamo dovuto compiere appena adesso un raid antiterrorismo come non se ne vedevano da anni. E gli iraniani sostengono Hamas a Gaza, danno loro soldi per missili, tunnel, vogliono che si armino fino ai denti. L’Iran sta finanziando la lotta armata anche all’interno di Fatah”.

Cosa aspettarsi? “Ci sarà più scontro fra Israele e i palestinesi, più attacchi terroristici e più risposta da parte d’Israele”. Ieri il ministro israeliano della Difesa, l’ex generale Yoav Gallant, ha detto: “I terroristi finiranno davanti a una corte o al cimitero”.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT