martedi` 05 marzo 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
27.01.2023 Ricordare Jenin, capitale del terrorismo palestinista
Commento di Giulio Meotti

Testata: Il Foglio
Data: 27 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Giulio Meotti
Titolo: «La vera Fauda»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 27/01/2023, a pag. 1, l'analisi di Giulio Meotti dal titolo 'La vera Fauda'.

Informazione Corretta
Giulio Meotti

Once a Developing City, Jenin Has Turned Into a Terror Hotbed -  Palestinians - Haaretz.com

Roma. La “battaglia di Jenin” ebbe luogo nell’aprile 2002 quando l’esercito israeliano, in piena Seconda intifada (delle stragi suicide), entrò nel campo palestinese per neutralizzare le cellule terroristiche che stavano compiendo attentati e causando la morte di centinaia di civili israeliani. Undici giorni di scontri casa per casa in cui rimasero uccisi ventitré soldati israeliani e 52 palestinesi, dei quali 48 jihadisti. Ieri Israele ha compiuto una nuova operazione antiterrorismo di tre ore a Jenin per fermare il Jihad islamico, i terroristi legati alla Repubblica islamica iraniana. E sono morti nove palestinesi. L’esercito israeliano hanno tentato di entrare a Jenin con un camion di pezzi di ricambio per frigoriferi, ma alcuni palestinesi lo hanno trovato sospetto e hanno aperto il fuoco, facendo saltare la copertura. “Questo è un numero di vittime che non vedi tutti i giorni e ci stiamo preparando per vari scenari di escalation”, dicono dall’ufficio del premier israeliano Benjamin Netanyahu. Tre membri della cellula terroristica sono stati uccisi. Si indaga su chi siano le altre vittime.

Gli scontri hanno segnato il più mortale raid israeliano in Cisgiordania da anni. Il presidente dell’Autorità palestinese, Mahmoud Abbas, accusa Israele di aver compiuto “un massacro a Jenin nel silenzio della comunità internazionale” (l’Anp lo disse anche nel 2002 e si rivelò un falso clamoroso, che fece danni enormi alla reputazione israeliana). L’offensiva antiterrorismo è incentrata principalmente sulla Cisgiordania settentrionale e Jenin, dove si svolge l’ultima stagione della popolarissima serie di Netflix “Fauda”, per far fronte a una serie di attacchi che ha provocato la morte di 31 israeliani nel 2022. L’establishment di sicurezza d’Israele di solito cerca di evitare di effettuare arresti al centro di un campo profughi per ridurre il più possibile il numero delle vittime, ma ieri mattina Israele ha deciso di agire comunque all’interno del campo di Jenin a causa del livello della minaccia. Si è parlato di una “bomba a orologeria”. Un attentato imminente. Forse per il giorno della memoria della Shoah? L’esercito israeliano ha dichiarato di aver sventato cinquecento attacchi terroristici dall’inizio del 2022, un anno che ha visto innumerevoli raid antiterrorismo in Cisgiordania, e anche numerose vittime palestinesi. Il numero più alto dal 2006, l’anno di coda della seconda intifada. Ora Israele si aspetta l’apertura di un fronte anche a Gaza, dove Hamas promette “vendetta” per i morti di Jenin. Il nuovo governo d’Israele promette una svolta oltranzista sulla sicurezza e Itamar Ben Gvir, il nuovo ministro dell’Interno, un falco della destra religiosa, ha ordinato alla polizia di rimuovere qualsiasi bandiera palestinese sventolata in pubblico e la coalizione di governo lavora a una ondata di legalizzazioni degli insediamenti. E si parla di tornare proprio nei quattro insediamenti nel nord della Cisgiordania da cui Israele si è ritirato nel 2005 con Ariel Sharon: Homesh, Ganim, Kadim e Sanur. Quattro comunità, da allora zone militari, dove è vietata la presenza civile e che, a differenza di Gaza, Israele non ha mai consegnato all’Autorità palestinese. Nelle colonie di Ganim e Kadim c’era un detto: “Appoggi l’anima sul sedile e la riprendi dopo il checkpoint”. Qui lo sgombero iniziò prima che arrivasse l’esercito a portare via gli ebrei: avevano fatto tutti le valigie nottetempo. L’esercito israeliano durante l’Intifada aveva creato una “Ssz”, una zona di sicurezza di quattrocento metri attorno agli insediamenti più a rischio. I primi a farne parte furono quelli affacciati su Jenin. C’è aria di resa dei conti.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT