sabato 28 gennaio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
24.01.2023 La Germania di Olaf Scholz danneggia l’Ucraina e la UE
Analisi di David Carretta

Testata: Il Foglio
Data: 24 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: David Carretta
Titolo: «La titubanza di Scholz fa male a Kyiv, all’Ue e all’industria tedesca»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 24/01/2023, a pag. 1, con il titolo "La titubanza di Scholz fa male a Kyiv, all’Ue e all’industria tedesca", il commento di David Carretta.

Immagine correlata
David Carretta

Nella crisi ucraina la Germania è l'anello debole del blocco occidentale -  Linkiesta.it

Bruxelles. La Germania si trova sempre più isolata dentro la coalizione che sostiene l’Ucraina nella guerra di aggressione della Russia, dopo che il governo di Olaf Scholz si è impantanato nella tragicommedia dei carri armati da combattimento Leopard 2 a Kyiv. “Non c’è decisione”, “non ci opporremo per gli altri”, “decideremo presto”, “non abbiamo preso una decisione”: in appena quattro giorni – dalla riunione del gruppo di contatto a Ramstein venerdì al Consiglio Affari esteri dell’Unione europea ieri – ministri e portavoce di Berlino hanno cambiato un’infinità di posizioni sui Leopard, regalando al Cremlino un’occasione insperata di strumentalizzare le divisioni dentro la Nato. A rimetterci è l’Ucraina, ma Scholz sta infliggendo un duro colpo anche alla credibilità dell’Ue e dell’industria militare tedesca. La tragicommedia dei Leopard – come l’ha definita il viceministro degli Esteri ucraino, Andriy Melnyk – ha avuto inizio venerdì a Ramstein, durante una riunione chiave del Gruppo di contatto a difesa dell’Ucraina. Gli alleati dovevano decidere quali e quanti armi fornire a Kyiv: l’esercito ucraino ha bisogno urgente di almeno 100 carri armati da combattimento. Diversi paesi europei hanno offerto i Leopard di fabbricazione tedesca, che sono agili, efficaci e facili da far arrivare al fronte. Ma il nuovo ministro della Difesa, Boris Pistorius, è uscito dall’incontro per dire che la Germania non aveva preso una decisione, legando le mani anche a Polonia, Finlandia e baltici che hanno bisogno dell’autorizzazione della Germania per riesportare i Leopard verso l’Ucraina. A seguito delle molte critiche al governo tedesco – compresa una fuga di notizie su un diverbio tra il capo del Pentagono, Llyod Austin e il capo della cancelleria, Wolfgang Schmidt – domenica c’è stato il secondo episodio della tragicommedia. A Parigi con Scholz per i 60 anni del Trattato dell’Eliseo, il ministro degli Esteri, Annalena Baerbock, ha spiegato che la Germania non si opporrà alla richiesta di altri paesi di consegnare i Leopard. Una svolta? Quasi in contemporanea Pistorius ha definito la Germania “nazione Leopard”, aggiungendo che il governo avrebbe deciso “presto”. Ma nella notte tutto è tornato al punto di partenza nel terzo episodio della tragicommedia. Il premier polacco, Mateusz Morawiecki, ha annunciato che avrebbe chiesto l’autorizzazione a Berlino. Ma il portavoce di Scholz, Steffen Hebestreit, ha smentito la versione di domenica di Baerbock. “Non c’è ancora una decisione”, ha detto Hebestreit: una richiesta seguirà “la procedura standard” davanti al Consiglio di sicurezza federale. Tradotto: la decisione spetta a Scholz, non ai suoi ministri verdi. Eppure ieri sera, l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell, ha annunciato che “la Germania non blocca altri paesi che vogliono esportare i carri armati Leopard”. Quasi tutti gli alleati si aspettano che presto o tardi la Germania liberi i Leopard. Borrell non ha escluso che l’Ue possa finanziarli con la nuova tranche della Peace Facility da 500 milioni approvata ieri dal Consiglio affari esteri. Lo stesso Scholz, domenica, ha spiegato che non è la prima volta dall’inizio della guerra che ci mette tempo per decisioni sulle armi. Artiglieria pesante, sistemi di difesa aerea Iris-T e Patriot, blindati leggeri Marder: ogni volta ci sono voluti mesi di laceranti dibattiti interni e forti pressioni esterne per convincere il cancelliere. Ma questa volta le esitazioni di Scholz appaiono più gravi agli alleati, convinti che l’unico modo per porre fine alla guerra sia una vittoria dell’Ucraina. Sul fronte attorno a Bakhmut la Russia avanza. Mosca sta riorganizzando il suo esercito per la nuova offensiva. Senza carri armati da combattimento l’Ucraina è esposta al logoramento militare e psicologico e non è nelle condizioni di lanciare nuove controffensive. Il costo del ritardo è elevato in termini di vite umane per l’Ucraina, ma il ritardo ha un costo politico anche per gli occidentali e l’Ue. Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha constatato che “il nervosismo tra i membri dell’alleanza sta crescendo costantemente” e ha minacciato conseguenze per chi fornirà i Leopard. Il rifiuto di Scholz contraddice i tre leader dell’Ue, Ursula von der Leyen, Charles Michel e Josep Borrell, che hanno detto pubblicamente di essere favorevoli ai Leopard. La giustificazione del cancelliere (concertarsi con gli alleati e ottenere dagli Stati Uniti che forniscano carri armati Abrams) mina le ambizioni dell’Ue di essere un attore geopolitico autonomo. I ministri degli Esteri di Estonia, Lettonia e Lituania hanno ricordato “la responsabilità particolare” della Germania in quanto “prima potenza europea”. Morawiecki ha minacciato di mettere in piedi una “una piccola coalizione” di volenterosi per consegnare i Leopard senza autorizzazione. I danni dell’indecisione di Scholz potrebbero estendersi alla Germania. L’industria militare tedesca dovrebbe giocare un ruolo di primo piano nel riarmo occidentale conseguente alla guerra della Russia. Ma Polonia, Finlandia e baltici ci penseranno due volte prima di comprare Leopard e altre armi tedesche. “Se i partner dell’Ue e della Nato sono a rischio di veto da parte della Germania, si rivolgeranno altrove”, ha spiegato François Heisbourg dell’International institute for strategic studies.

Per inviare la propria opinione al Foglio, telefonare 06/589090, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT