giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
20.01.2023 Occidente, con Zelensky o con Putin
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 20 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Si cercano armi perché con Mosca non si riesce a parlare»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 20/01/2023, a pag. 1, con il titolo "Si cercano armi perché con Mosca non si riesce a parlare", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. Oggi i ministri della Difesa dei paesi dell’Alleanza atlantica si incontreranno e discuteranno l’invio di armi, le fasi della guerra in Ucraina e i suoi scenari. Il fatto che si parli di armi non vuol dire che il mondo abbia perso la voglia di colloqui e di negoziati, ma che al momento parlare non è possibile. La Russia si sta preparando a un nuovo ciclo di attacchi, senza aver abbandonato l’ambizione di arrivare fino alla capitale Kyiv. Le sue condizioni per negoziare sono che l’Ucraina riconosca l’occupazione come legittima. Dopo aver subìto morte e devastazioni, secondo il Cremlino, gli ucraini dovrebbero quindi accettare di aver perso quasi il 20 per cento del loro territorio. Anche il presidente Volodymyr Zelensky ha presentato le sue condizioni per la pace, sono dieci punti che illustrano la più ovvia richiesta che si possa fare a un paese aggressore: vattene e ricostruisci quello che hai devastato. La Russia non vuole smettere di combattere e attaccare, nonostante le perdite umane inflitte al suo stesso esercito e l’isolamento internazionale, ha rigettato i dieci punti di Zelensky e il presidente russo Vladimir Putin ha detto mercoledì di aver iniziato una guerra per ottenere la pace. Quindi andrà avanti con le armi e non con le parole. I funzionari di Mosca, inoltre, ripetono spesso che non hanno alcuna intenzione di parlare con Zelensky e da mesi stanno presentando il conflitto come un confronto con la Nato. Dire di combattere contro l’Alleanza atlantica serve anche come scusa davanti ai cittadini: una cosa è combattere contro gli ucraini un’altra è farlo contro la Nato. L’Ucraina è presentata come una marionetta traditrice che si è lasciata irretire dalle sirene americane, per questo il presidente del Cremlino dice di non voler parlare con Zelensky. Non riconosce il presidente ucraino legittimamente eletto (alle presidenziali del 2019, quando l’ex attore vinse, la regolarità del voto venne certificata anche dagli osservatori internazionali presenti), né il suo paese. Al Forum economico di Davos, Zelensky è stato invitato a tenere un discorso e ha anche risposto ad alcune domande sulla possibilità di parlare con Mosca. Qualche mese fa Zelensky aveva detto di essere disposto a dialogare con il Cremlino ma con il futuro presidente russo, uno nuovo, non importa se con idee diverse, ma non con Putin. Poi era tornato sulle sue dichiarazioni, ammorbidendole, anche su richiesta americana. A Davos ha riproposto i dubbi su chi dovrebbe prendere come interlocutore a Mosca, visto che di Vladimir Putin si sa poco. Il presidente ucraino ha detto di non capire neppure bene “con chi parlare e di cosa. Non sono sicuro che il presidente della Russia che compare sullo sfondo verde sia lui. Non capisco se sia vivo, se prende decisioni o se le prende qualcun altro. Chi sono queste persone? Non ho nessuna informazione”. Zelensky non sa chi sia il suo interlocutore, se sia vivo, morto, se sia uno schermo. I due non si riconoscono a vicenda, per ragioni molto diverse: il russo non vuole parlare con l’ucraino, l’ucraino non sa con chi dovrebbe parlare a Mosca. Spesso viene agitato il nome di un “partito della pace” al Cremlino che potrebbe aiutare a favorire un negoziato tra le due nazioni. Non è questione di idealismo, ma di pragmatismo e si tratta di funzionari che vedono come insensata la guerra senza giudicarla per forza sbagliata. Il fatto che lo pensino non vuole dire che favoriranno un negoziato: spesso ricoprono incarichi di prestigio, che dipendono strettamente da Putin.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT