giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
19.01.2023 Putin prepara la legge marziale
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 19 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Putin tra gli operai»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 19/01/2023, a pag. 1, con il titolo "Putin tra gli operai", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. Vladimir Putin ha ribadito che la Russia vincerà la guerra. Ieri il presidente era a San Pietroburgo per celebrare l’ottantesimo anniversario della fine dell’assedio della città che un tempo si chiamava Leningrado e ne ha approfittato per parlare del conflitto e per ringraziare gli operai dell’industria della Difesa, dicendo che molto dipende da loro. Questa condizione li rende quasi intoccabili nell’ottica di una futura mobilitazione, il cui annuncio alcuni attendevano ieri: la ricorrenza sembrava retorica a sufficienza e le voci sulla necessità di mandare nuovi uomini al fronte per la primavere si fanno fitte. Invece ieri Putin ha soltanto ribadito di aver attaccato l’Ucraina per riportare la pace dopo aver subìto i silenzi e gli sgarbi dell’occidente. Il canale telegram Volya, solitamente ben informato, ha invece scritto che per il passaggio da “operazione militare speciale” a “guerra”, quindi per poter dichiarare la legge marziale, il Cremlino sta aspettando febbraio. Il passo successivo sarà un’altra mobilitazione, questa volta fatta chiudendo i confini e con poco preavviso. Per chi nei mesi scorsi ha preferito abbandonare la Russia piuttosto che andare in guerra, il governo non ha mai riservato parole di comprensione, ma la Duma sarebbe al lavoro per una norma che consenta di togliere loro beni e proprietà. L’obiettivo è spogliarli di tutto, trattarli da traditori. Il presidente russo ha detto che Mosca vincerà grazie alla solidarietà del popolo russo e il suo obiettivo è rendere inossidabile la certezza dei suoi cittadini che la battaglia è giusta perché nasce da un torto subìto. Anche il ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, ha tenuto un breve discorso. E’ una convenzione, tutti gli anni, a gennaio, traccia un bilancio della situazione internazionale e ha ribadito che Mosca non aveva scelta: è stata circondata. Come Napoleone che ha mobilitato “tutta l’Europa contro l’Impero russo, e come Hitler, che invitò ad attaccare l’Unione sovietica, ora gli Stati Uniti hanno organizzato una coalizione … Il compito è lo stesso: la soluzione finale della ‘questione russa’”. Il vittimismo di stato è il rifugio del Cremlino per convincere la popolazione che vive sotto assedio. Anche la mobilitazione ha avuto un aspetto inaspettato come emerso da un’intervista che il famoso Yuri Dud ha tenuto con l’attore Oskar Kuchera. Dud è un giornalista antiputiniano molto seguito e ha ospitato Kuchera che si è definito contro la guerra ma impossibilitato a non simpatizzare con i russi al fronte. Il dialogo tra i due ha indignato, è stato molto commentato, ma ha esplicitato un sentimento forse più diffuso del previsto in Russia. Mentre a Davos Olaf Scholz, alla domanda a se manderà i carri armati Leopard in Ucraina, ha risposto che va evitato un conflitto tra Russia e Nato, Mosca pensa al prossimo passo.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT