giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.01.2023 Un libro da leggere subito
Racconta il nostro prossimo futuro

Testata: Il Foglio
Data: 18 gennaio 2023
Pagina: 3
Autore: Chiara Clausi
Titolo: «Un libro da leggere subito»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 18/01/2023, a pag. 3, la recensione di Chiara Clausi dal titolo "Un libro da leggere subito".

Non ricordiamo di aver letto una recensione sui vari supplementi letterari dei nostri quotidiani, chi lo cerca in libreria si sente rispondere una abituale ' possiamo ordinarlo'. E dire che l'editore è Mondadori!
E' un romanzo che si svolge in Olanda, ma la sua storia la si può benissimo ambientare in una Italia prossima ventura.

Io vivrò. Storia della ragazza che ha sfidato l'Islam - Lale Gül - Libro -  Mondadori - Soggettive | IBS
La copertina (Mondadori ed.)

Schrijfster Lale Gül schrok ervan dat boek zo veel invloed heeft op anderen  | Boek & Cultuur | NU.nl
Lale Gül

Lale Gül, scrittrice di origine turca, ha deciso di vivere liberamente in Olanda e racconta in questo suo libro autobiografico diventato bestseller la lotta piena di coraggio e determinazione di Büsra per affermare la sua individualità, in un mondo tradizionalista e retrogrado. Büsra ha quasi venti anni, è una ragazza musulmana e vive nel problematico quartiere di Kolenkit a ovest di Amsterdam. Qui regnano disoccupazione, criminalità, povertà, ignoranza. I suoi genitori sono immigrati turchi semianalfabeti, ultrareligiosi e nazionalisti. Da bambina Büsra frequenta la scuola coranica nel fine settimana, ma quella cultura sente che non le appartiene, le sta subito stretta. Vuole vedere oltre, contagiarsi con il modo di vivere europeo. E’ fidanzata con Freek, un giovane non musulmano, è costretta a vederlo di nascosto perché i suoi genitori non approverebbero mai questa unione. Büsra non può ascoltare musica né festeggiare il compleanno, perché sono pratiche da miscredente. Deve sempre indossare il velo, non può truccarsi e non può indossare abiti aderenti e sexy. Non può andare in vacanza da sola, uscire la sera e avere amici maschi. Ma Büsra a tutto questo si ribellerà. Inizierà a lavorare in un ristorante come cameriera e rifiuterà i matrimoni combinati. Prenderà la pillola del giorno dopo e non accetterà di indossare il velo. La sua è una ricerca della felicità segnata da una perenne disobbedienza al patriarcato, alla sua famiglia retriva, al padre e alla madre che lei chiama ironicamente “i procreatori”. Büsra non vuole essere soltanto una gallina da cova, sottomessa alla volontà prima della famiglia, e poi del marito, dedita a dio, patria e famiglia. Attenta all’onore, alla reputazione, alla virtù, che evita i “peccati imperdonabili”, la vergogna. Che ama i pettegolezzi con le zie e i parenti e si conforma alla tradizione con ipocrisia. Ma il suo percorso è doloroso e difficile. Si chiederà nel mezzo del suo cammino: “Perché continuo a cedere? Perché non so essere furiosa, insolente, spudorata pericolosa e cattiva? (…) Perché non oso essere me stessa fino in fondo?”. Ma la sua liberazione sarà totale e alla fine, indipendente, autonoma e non sottomessa dirà: “Bisogna rimanere fedeli alla capacità di tradire senza pietà tutto ciò che è falso”. Io vivrò è il libro di esordio di Lale Gül, giovanissima scrittrice nata nel 1997. Dopo l’uscita del romanzo l’autrice vive di nascosto perché ha ricevuto numerose minacce di morte dalla comunità musulmana e ha interrotto i rapporti con la sua famiglia. Io vivrò è diventato un caso letterario e ha acceso un intenso dibattito su cosa sia l’integrazione in realtà. E’ un j’accuse duro ma sincero di Lale verso la sua cultura e l’ipocrisia della società multietnica. Il New York Times lo ha definito “un manifesto in nome della libertà individuale”. Una storia inesorabile e autentica. Questa la sua forza.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT