giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.01.2023 Parigi, epidemia di autocensura
La scuola nelle mani dei musulmani

Testata: Il Foglio
Data: 18 gennaio 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «Parigi, epidemia di autocensura»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 18/01/2023, a pag. 3, l'editoriale "Parigi, epidemia di autocensura".

A quando in Italia?

Islam en ou de France ? – Oumma

Chimamanda Ngozi Adichie, nata in Nigeria, che vive negli Stati Uniti ed è la scrittrice nera più famosa al mondo, nelle celebri “Reith Lectures” di quest’anno per la Bbc ha formulato un poderoso atto d’accusa alla cultura occidentale. Adichie ha detto che c’è “una epidemia di autocensura”. “Il romanzo di Salman Rushdie verrebbe pubblicato oggi? Probabilmente no. Verrebbe scritto? Forse no”. Il Parisien, il grande giornale della capitale francese, per illustrare un articolo che spiega il licenziamento di un accademico che aveva mostrato immagini medievali di Maometto negli Stati Uniti, ha utilizzato un dipinto del Profeta, ma ha avuto cura di cancellarne il volto. Il vicedirettore assicura che si tratta dell’“errore di un redattore”. Un errore umano. O forse semplicemente paura umana. In Alsazia un insegnante è stato appena minacciato di morte per aver parlato delle vignette di Charlie Hebdo su Maometto. Due anni dopo, il nome di Samuel Paty è riemerso. E fa paura. In un paese dove ai redattori di un settimanale – lo stesso Charlie Hebdo – il capo delle Guardie iraniane della rivoluzione promette di fagli fare “la fine di Salman Rushdie”. Una docente della Hamline University, Erika López Prater, ha mostrato in classe un’immagine del Profeta e l’università ha rifiutato di rinnovarle il contratto. La docente aveva mostrato le immagini di due dipinti di Maometto del XIV e del XVI secolo. Opere medievali considerate canoniche. Aveva avvertito la classe prima della lezione, in modo che gli studenti musulmani osservanti potessero scegliere di non vedere il materiale, per motivi religiosi. Il rettore della Hamline, Fayneese S. Miller, ha detto che il rispetto per gli studenti musulmani “avrebbe dovuto sostituire la libertà accademica”. Siamo a questo?

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT