giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
18.01.2023 Quante armi ha Putin
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 18 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Quante armi ha Putin»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 18/01/2023, a pag. 1, con il titolo "Quante armi ha Putin", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. Mosca vuole far passare un messaggio: a primavera tutto cambierà. Dimenticate il Donbas, ci interessa l’Ucraina intera. E’ questo che cercano di comunicare i cambi ai vertici, il ministero della Difesa che dopo mesi di silenzio si è fatto loquace e le esercitazioni militari lungo il confine tra Ucraina e Bielorussia, il paese che Mosca ha riempito di mezzi militari, munizioni e missili. Sono trascorsi undici mesi dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina e nonostante siano state tante le dimostrazioni sul campo di battaglia dell’inferiorità dell’esercito russo rispetto a quello ucraino, il Cremlino vuole continuare. Una sconfitta che dicevano scontata si è tramutata, per Kyiv, in una vittoria da costruire con la determinazione, che non manca, e con il sostegno degli alleati che talvolta va spronato, ma poi arriva. Se volesse, il presidente russo, Vladimir Putin, potrebbe mandare a combattere fino all’ultimo russo, ma non potrà continuare a combattere quando i suoi arsenali saranno svuotati. Dall’inizio della guerra le indiscrezioni sulla stampa americana e ucraina e i calcoli degli analisti occidentali avevano indicato che le riserve belliche della Russia sarebbero finite presto. Invece, non soltanto il Cremlino ha dimostrato di avere riserve a sufficienza e la capacità di produrre ancora per lanciare nuovi attacchi missilistici. L’arsenale non è inesauribile, altrimenti l’esercito russo, noto per la devastazione di Aleppo in Siria, avrebbe cercato di applicare lo stesso principio in Ucraina per farla cedere. Il ricatto iniziato a ottobre contro i cittadini di Kyiv è stato brutale, perché punta a privare gli ucraini della rete elettrica, dei riscaldamenti, dell’acqua corrente, ma è stato probabilmente inferiore a quello che Mosca avrebbe voluto ottenere. I missili sono stati usati, si fa per dire, con parsimonia, con bombardamenti cadenzati, ripetuti circa due volte al mese e ora sempre più sporadici: da una media di ottanta ad attacco ha iniziato a usarne una ventina. Il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, ha detto che presto l’arsenale per attaccare l’Ucraina verrà ampliato. Le notizie più precise che arrivano dalla Russia sono poche e riguardano soprattutto i missili: Mosca riesce a produrne circa cinquanta al mese (le stime suggeriscono 30 del tipo Kh-101 e 20 Kalibr) e all’inizio dell’invasione era stato invece calcolato erroneamente che la capacità produttiva fosse di quattro al mese. Il numero varia da missile a missile – la produzione è inferiore per gli Iskander – ma quel che è certo è che la Russia ha continuato a fabbricare armi nonostante le sanzioni. Servono componenti elettroniche che Mosca potrebbe aver accumulato prima di febbraio del 2022, quando è iniziata l’invasione, o che avrebbero continuato a girare nel mercato russo passando da paesi terzi, si sospetta della Cina e anche della Turchia. Non soltanto in Ucraina sono state trovate armi russe fabbricate nel 2022, ma alcune presentavano chip realizzati da aziende occidentali: lo scorso anno la Russia ha speso circa 2,6 miliardi di dollari per importare computer nonostante le sanzioni. L’industria pesante russa si è probabilmente concentrata nella produzione di armi – questo spiegherebbe anche perché un paese che non riesce a produrre automobili, riesce invece a rifornirsi di armi – le fabbriche di missili continuano a operare ininterrottamente e gli operai del settore sono tra i russi non mobilitati durante la prima ondata. Lo stabilimento di Votkinsk, che produce missili Yar e Bulava, avrebbe anche aumentato la produzione nel 2022, da 50 all’anno a 60. A questi numeri va aggiunto il possibile aiuto esterno di paesi terzi, come l’Iran e la Corea del nord, che hanno già cominciato a rifornire Mosca. Nonostante la performance della produzione bellica russa sia stata al di sopra delle aspettative, secondo gli analisti sarà difficile che nel 2023 le fabbriche russe riusciranno a ripetere gli stessi numeri e quindi gli stessi bombardamenti. Eppure il Cremlino sembra essere intenzionato a ricominciare tutto dal principio, probabilmente a primavera, imparando dagli errori. Punta sulla quantità: il numero crescente di soldati che potrebbero arrivare con una nuova mobilitazione, sulla quale le voci si fanno più intense. Dagli errori però, imparano tutti, anche gli ucraini.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT