giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
17.01.2023 Israele, Corte Suprema, la scelta di Bibi
Non sarà facile trovare un equilibrio

Testata: Il Foglio
Data: 17 gennaio 2023
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «La riforma di Israele»
Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 17/01/2023, a pag. 3, l'editoriale "La riforma di Israele".

Israele, la Corte suprema dà il via libera alla maternità surrogata anche  per gli uomini - la Repubblica
La Corte suprema

Israele non ha una Costituzione scritta, quindi le sentenze del suo finora potentissimo “Bagatz”, la Corte suprema, sono state una sorta di Carta costituzionale. Il nuovo governo di Benjamin Netanyahu col ministro della Giustizia Yariv Levin ha annunciato una riforma che consentirebbe di fatto al Parlamento di annullare una decisione della Corte con un voto a maggioranza semplice, aumentando il potere dei funzionari eletti sui tribunali. I critici evocano la Corte costituzionale polacca e il caso ungherese, con la stretta degli esecutivi di Visegrád sulle rispettive corti più alte. La gente è scesa per strada a Tel Aviv e l’ex presidente della Corte suprema Aharon Barak ha definito Levin un “criminale”. Da anni la destra è mobilitata contro quello che negli anni 90 Barak considerava il necessario “attivismo legale” in base al quale le corti assumevano il potere di rovesciare leggi approvate dalla Knesset (come nel caso delle politiche di sicurezza e antiterrorismo nei Territori palestinesi). E intanto cresceva la controreazione politica israeliana, che parlava di “golpe giudiziario”. In questa prospettiva, è importante che la coalizione di governo riconosca il fatto che queste riforme giudiziarie sono estremamente rilevanti e delicate, per qualcuno possono modificare il carattere dello stato di Israele e l’equilibrio tra i diversi poteri dello stato. Non sarà facile trovare quell’equilibrio, fra il diritto della maggioranza eletta a governare, del popolo a essere rappresentato e delle minoranze, della società civile e dei giudici di portare istanze che a suon di plebisciti non si farebbero mai sentire. Ma è anche la forza d’Israele, essere l’unica democrazia da Casablanca a Mumbai. E non è poco.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT