giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
14.01.2023 America, sola superpotenza: lo dimostri
Analisi di Paola Peduzzi

Testata: Il Foglio
Data: 14 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Paola Peduzzi
Titolo: «Una sola superpotenza»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 14/01/2023, a pag. 1, con il titolo 'Una sola superpotenza', l'analisi di Paola Peduzzi.

Risultati immagini per paola peduzzi
Paola Peduzzi

Joe Biden si e' detto favorevole alla ricandidatura alla presidenza
Joe Biden

Milano. Mosca rivendica il bottino misero e sanguinante della carneficina di Soledar (e di Bakhmut) nel Donbas sfigurato dalla sua invasione, ma queste settimane di corpo a corpo hanno attivato una nuova fase tra i paesi alleati dell’Ucraina, con l’indispensabile regia americana. Crollano i tabù sulle armi necessarie a Kyiv per respingere l’attacco russo, dai Patriot ai carri armati, si sfalda l’idea che la Russia possa costruire un ordine globale alternativo a quello liberale. Resta la trama tenace di solidarietà e determinazione dell’unica superpotenza. Mentre la propaganda del Cremlino fa credere ai russi che ci siano in occidente ventilatori enormi che spingono il freddo verso la Russia (sono le pale eoliche), mentre i generali russi e il signore della Wagner si contendono il loro sciagurato bottino sacrificando meschini tanti giovani uomini – il disprezzo dei leader russi per il popolo russo è osceno – l’occidente prende appunti sulle battaglie, valuta e rivaluta quel che è necessario per sostenere l’Ucraina, ricuce le maglie troppo larghe dell’alleanza, si fida degli ucraini e della loro straordinaria resistenza. Non è un processo facile né consolidato: costruire l’arsenale della democrazia è un lavoro continuo che non va dato per scontato – anche questa è una lezione imparata in questa guerra voluta da Putin per distruggere la strada democratica dell’Ucraina. E gli intoppi ci sono, altroché: in questi giorni è ricominciato il tormento sulla Germania, che dovrebbe dare i carri armati che servono all’esercito ucraino. Ieri il Financial Times, raccontando la cautela del cancelliere Olaf Scholz nel dare il via libera all’invio dei Leopard in Ucraina, scriveva: “I leader tedeschi hanno ripetutamente esplicitato la preoccupazione che la Germania sia percepita come un paese che contribuisce all’escalation del conflitto e che provoca Putin, che ha alluso al fatto di poter far ricorso alle armi nucleari. Sondaggi recenti mostrano che la maggioranza dei tedeschi è contraria all’invio dei Leopard”. Ancora con la storia della provocazione? Ancora, sì. Kyiv non l’ha presa bene: “E’ sempre la stessa storia: prima dicono di no, poi difendono fieramente la loro decisione, salvo poi dire di sì alla fine – ha twittato il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba – Stiamo ancora cercando di capire perché il governo tedesco si stia infliggendo tutto questo”. Anche dentro alla Germania ci sono voci contrastanti, due funzionari tedeschi con Bloomberg sono stati possibilisti, ma Scholz ancora non ha comunicato la sua decisione: sembra stia aspettando che gli americani facciano la prima mossa mandando i loro carri armati Abrams, che però hanno bisogno di maggiore manutenzione e carburante rispetto ai Leopard. All’incontro nella base di Ramstein, il 20 gennaio, si prenderanno le decisioni, ma il Pentagono ha già detto: “Siamo tutti d’accordo sul fatto che l’Ucraina abbia bisogno di carri armati. Questo è il momento giusto per l’Ucraina di sfruttare le sue capacità, per cambiare la dinamica sul campo di battaglia”. Gli inglesi esercitano le loro pressioni annunciando che invieranno i carri armati Challenger, i polacchi premono per inviare i loro Leopard – “Qualcuno deve dare l’esempio”, li ringrazia Volodymyr Zelensky, e molti altri paesi europei si muovono nella stessa direzione. Claudia Major, analista del German Institute for International and Security Affairs di Berlino, dice: “Le pressioni sui Leopard sono in aumento da parte di polacchi, inglesi e finlandesi, ma ogni cosa riguarda un partner particolare, gli Stati Uniti, che è più uguale rispetto agli altri”. La superpotenza è una sola.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT