giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
07.01.2023 Putin, il prossimo attacco
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 07 gennaio 2023
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «La tregua di Putin è rumorosa in Ucraina e contestata in Russia»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 07/01/2023, a pag. 1, con il titolo "La tregua di Putin è rumorosa in Ucraina e contestata in Russia", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. L’idea di una tregua unilaterale per la celebrazione del Natale ortodosso non è piaciuta agli ucraini e non è piaciuta neppure ai falchissimi che svolazzano attorno al Cremlino, uomini che contestano la gestione del conflitto e vorrebbero una strategia ancora più brutale, senza pause. Il cessate il fuoco ordinato da Putin ha avuto diverse interruzioni, anche da parte di Mosca. Kyrylo Tymoshenko, vicecapo dell’ufficio del presidente ucraino, ha scritto su Telegram che la città di Kramatorsk, nella regione di Donetsk, aveva subìto un attacco, mentre a Kurakhove, un ospedale e alcuni condomìni erano stati colpiti dai soldati russi. La Russia ha risposto che ha dovuto difendersi dai continui attacchi di Kyiv, per nulla disposti a concedere ai soldati del Cremlino trentasei ore di riposo dai combattimenti. Margarita Simonyan, direttrice dell’emittente finanziata dal Cremlino Rt, si è affrettata ad accusare gli ucraini per non aver voluto accettare la tregua e alla stessa stregua hanno reagito molti commentatori della televisione russa, pronti ad accusare gli ucraini non soltanto di violenza ma anche di bassa levatura morale. La reazione era stata prevista, ma gli ucraini sono sicuri che Mosca si stia preparando per una nuova ondata di aggressioni e d’accordo con gli americani hanno ritenuto di non potersi fidare della “tregua di Natale”. Se Kyiv e i suoi alleati riescono a prevedere spesso le mosse di Mosca non è soltanto per ragioni di intelligence, ma perché hanno imparato a conoscere il Cremlino e le sue reazioni. Chi non ha ancora imparato a conoscere il suo nemico è Vladimir Putin, che si ostina a non voler capire neppure in che direzione sta andando un mondo in cui la Russia è sempre più marginalizzata. La notizia dell’ordine di cessate il fuoco di Putin è arrivata quando la Germania e gli Stati Uniti si sono impegnati a fornire ulteriori aiuti militari a Kyiv, come i veicoli da combattimento per la fanteria Bradley e Marder. Il dibattito tedesco continua a impelagarsi nelle distinzioni tra armi pesanti e leggere, di attacco e difesa, ma il governo di Olaf Scholz ha le idee sempre più chiare e teme meno gli umori di Mosca. Mentre Putin rimane convinto di poter dettare le regole della guerra e le condizioni della pace, gli alleati di Kyiv stanno dimostrando di essere meno spaventati dalle sue minacce. Il concetto di cautela è stato sostituito dall’urgenza di aiutare Kyiv a vincere la guerra. Si stanno dissipando anche le condizioni che gli alleati ponevano all’esercito ucraino e l’idea che bisogna arrivare a un compromesso che piaccia a Mosca rimane un pensiero sfumato pronunciato soltanto dal presidente francese, Emmanuel Macron, che pure ha appena deciso di rifornire l’Ucraina di nuovi carri armati. La minaccia delle armi nucleari che Putin utilizza all’occorrenza nella speranza di indebolire il sostegno occidentale nei confronti di Kyiv sembra fare sempre meno paura nelle capitali europee e a Washington, anche perché c’è la consapevolezza che pure gli alleati del Cremlino ne condannerebbero l’utilizzo. Putin, con gli annunci di tregue, con le sue regole per una pace possibile soltanto dopo il riconoscimento delle zone occupate, con l’idea di una Russia instancabile che in realtà più che stanca appare stremata, non si arrende al fatto che la realtà tutt’attorno è molto diversa da come la racconta lui. Gli alleati di Kyiv sanno che reagire con forza contro l’invasione di Putin è importante anche per mettere le cose in chiaro con l’altro rivale: la Cina di Xi Jinping. Più reagiscono con forza e si fanno vedere uniti, meno Pechino seguirà le orme di Mosca.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT