giovedi` 02 febbraio 2023
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Ecco l'Israele che non ti aspetti (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.01.2023 Zelensky/Putin: 1 a zero
Due visioni del mondo

Testata: Il Foglio
Data: 03 gennaio 2023
Pagina: 8
Autore: Volodymyr Zelensky
Titolo: «Di guerra e di resistenza»

Riprendiamo oggi, 03/01/2023, dal FOGLIO, a pag. 1, con il titolo "Di guerra e di resistenza", il discorso di Volodymyr Zelensky.

Volodymyr Zelensky

Roma. L’inizio del nuovo anno coincide anche con i tradizionali discorsi dei leader che cercano di dare un significato ai mesi appena trascorsi e presentare ai cittadini una visione per l’anno che verrà. Abbiamo cercato di mettere insieme, in lettura comparata, i discorsi dei due leader che sono stati protagonisti del 2022 e lo saranno ancora, nel corso del 2023: quelli che seguono sono ampi stralci dei discorsi di fine anno del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e del presidente della Federazione russa Vladimir Putin, pronunciati il 31 dicembre scorso, e di quello che Zelensky ha pronunciato il giorno di Capodanno. Metterli vicini, leggerli uno dopo l’altro, rende ancora più evidente il tentativo di manipolazione e di propaganda di Putin, un leader che ha mosso guerra contro un altro paese piegando la storia e la realtà a suo piacimento, e non a caso usa la cupezza come registro, l’accusa, la cospirazione. E’ un leader che non si scusa per la sua guerra scellerata, ma è costretto a chiedere ai suoi cittadini ancora nuovi sacrifici. Zelensky è il leader che è riuscito a tenere in piedi, unito, un paese aggredito, e consegna ai suoi cittadini un motivo per sperare.


* * *

 

Cari ucraini! Quest’anno è iniziato il 24 febbraio. Senza prefazioni né preludi. In modo netto. Presto. Alle 4 del mattino. Era buio. E’ stato assordante. E’ stato difficile per molti di noi, spaventoso per alcuni. Sono passati 311 giorni. Può essere ancora buio, rumoroso e complicato per noi. Ma sicuramente non avremo mai più paura. E non ci vergogneremo mai. E’ stato il nostro anno. L’anno dell’Ucraina. L’anno degli ucraini. Ci siamo svegliati il 24 febbraio. In un’altra vita. Eravamo un altro popolo. Un’altra Ucraina. I primi missili hanno alla fine distrutto il labirinto delle illusioni. Abbiamo visto chi era chi. Di cosa sono capaci gli amici e i nemici e, soprattutto, di cosa siamo capaci noi. Il 24 febbraio, milioni di noi hanno fatto una scelta. Non una bandiera bianca, ma una bandiera blu e gialla. Non una fuga, ma un incontro. L’incontro con il nemico. Resistere e combattere.

 

[…] Quest’anno potrebbe essere definito un anno di perdite per l’Ucraina, per l’intera Europa e per il mondo intero. Ma è sbagliato. Non dovremmo dire questo. Noi non abbiamo perso nulla. Ci è stato tolto. L’Ucraina non ha perso i suoi figli e le sue figlie – loro sono stati uccisi dagli assassini. Gli ucraini non hanno perso le loro case – sono state distrutte dai terroristi. Non abbiamo perso le nostre terre – sono state occupate dagli invasori. Il mondo non ha perso la pace – la Russia l’ha distrutta.

 

Cittadini della Russia, amici. L’anno 2022 si sta concludendo. E’ stato l’anno delle decisioni difficili ma necessarie, di passi importanti verso la piena sovranità della Russia e del poderoso consolidamento della nostra società. E’ stato un anno che ha messo molte cose al loro posto, ha tracciato una linea chiara: da un lato il coraggio e l’eroismo, dall’altro il tradimento e la codardia, e ci ha mostrato che non c’è niente di più forte dell’amore per i nostri cari, della lealtà verso i nostri amici e compagni d’armi e della devozione alla nostra Patria. E’ stato un anno di eventi cruciali, persino fatali, durante i quali abbiamo gettato le basi per il nostro futuro comune, la nostra vera indipendenza. E’ per questo che stiamo combattendo oggi, proteggendo la nostra gente nei nostri territori storici nelle nuove regioni della Federazione russa. Insieme, stiamo costruendo e creando. […] Per anni, le élite occidentali ci hanno ipocritamente assicurato le loro intenzioni pacifiche, tra cui quella di contribuire a risolvere il grave conflitto nel Donbas. Ma in realtà hanno incoraggiato in ogni modo possibile i neonazisti, che hanno continuato a intraprendere azioni militari e apertamente terroristiche contro i civili pacifici delle repubbliche popolari del Donbas. L’occidente ci ha mentito sulla pace mentre si preparava all’aggressione e oggi non esita più ad ammetterlo apertamente e a usare cinicamente l’Ucraina e il suo popolo come mezzo per indebolire e dividere la Russia. Non abbiamo mai permesso a nessuno di fare questo e non lo permetteremo ora.

 

Anno nuovo, giorno nuovo, riassunto nuovo. 45 droni iraniani sono stati abbattuti nella prima notte dell’anno. Ringrazio le nostre Forze aeree. Ben fatto, ragazzi! I terroristi russi erano già patetici, e sono entrati in questo anno rimanendo uguali a loro stessi. Le nostre difese sono state fantastiche e il 1° gennaio si sono dimostrate particolarmente brave. In questi giorni si è visto chiaramente: il nostro senso di unità, di autenticità, di vita stessa – tutto questo contrasta drammaticamente con la paura che prevale in Russia. Hanno paura. Lo si sente. E hanno ragione ad avere paura. Perché stanno perdendo. Droni, missili, qualsiasi altra cosa non li aiuterà. Perché noi siamo insieme. E loro sono uniti solo dalla paura. E non porteranno via un solo anno all’Ucraina, non porteranno via la nostra indipendenza. Non gli daremo nulla.

 

Ringrazio tutti coloro che combattono il nemico al fronte ogni giorno e ogni notte! Rispondiamo a ogni attacco russo a Kherson, Nikopol, nella regione di Kharkiv, in tutte le nostre città e comunità. 

Sono grato a tutti i nostri lavoratori dell’energia, ai lavoratori dei servizi di pubblica utilità per la fornitura stabile di energia a ogni minima interruzioni e tenendo conto di tutte le circostanze esistenti. Ovunque le linee di trasmissione e le altre strutture energetiche siano state danneggiate dai bombardamenti, il ripristino continua 24 ore su 24. Anche oggi. E’ molto importante che tutti gli ucraini abbiano ricaricato la loro energia interiore in questa notte di Capodanno.

 

La Russia vive sotto sanzioni sin dagli eventi in Crimea del 2014, ma quest’anno si è scatenata contro di noi una vera e propria guerra delle sanzioni. Chi l’ha iniziata si aspettava che la nostra industria, le nostre finanze e i nostri trasporti sarebbero crollati e non si sarebbero più ripresi. 

Non è successo, perché insieme abbiamo creato un margine di sicurezza affidabile. Abbiamo adottato misure e provvedimenti per rafforzare la nostra sovranità in un campo di vitale importanza, quello dell’economia. La nostra lotta per il nostro paese, per i nostri interessi e per il nostro futuro è senza dubbio un esempio ispiratore per altri stati nella loro ricerca di un giusto ordine mondiale multipolare. Ritengo molto importante che nell’anno appena trascorso qualità come la misericordia, solidarietà ed empatia siano diventate particolarmente importanti in Russia. Sempre più russi sentono il bisogno di aiutare gli altri. Si riuniscono e prendono iniziative senza alcuna istruzione formale. Voglio ringraziarvi per essere così premurosi, responsabili e gentili, per il vostro coinvolgimento attivo nella causa comune, indipendentemente dall’età e dal reddito. Organizzate magazzini e trasporti per consegnare pacchi ai nostri combattenti nelle zone di guerra, ai residenti delle città e dei paesi colpiti, e aiutate a organizzare le vacanze per i bambini delle nuove entità costitutive della Federazione. Amici miei, state fornendo un grande sostegno alle famiglie dei combattenti che sono morti, che hanno dato la loro vita per difendere quella degli altri. So quanto sia difficile per le loro mogli, i loro figli e le loro figlie, e per i loro genitori, che hanno cresciuto dei veri eroi; capisco come si sentano ora, la notte di Capodanno. Faremo ogni sforzo per aiutare le famiglie dei nostri compagni caduti a crescere i loro figli, a dare loro una buona istruzione e a trovare una professione. Con tutto il cuore, condivido il vostro dolore e vi chiedo di accettare le mie sincere parole di sostegno.

 

Combattiamo e continueremo a combattere. Per il bene della parola più importante: “Vittoria”. Lo sarà di sicuro. Ci stiamo avvicinando da 311 giorni. Ci abbiamo messo già abbastanza energia. Ma nel momento in cui vi sembra di non poter andare oltre, ricordatevi che siamo già andati oltre. Voglio dire a tutti voi: Ucraini, siete incredibili! Guardate cosa abbiamo fatto e cosa stiamo facendo!

 

Come i nostri soldati hanno distrutto questo “secondo esercito del mondo” fin dai primi giorni.

 

Come il nostro popolo ha fermato l’equipaggiamento e le colonne di fanteria.

 

Come un uomo anziano ha usato le mani per fermare un carro armato.

 

Come una donna ha abbattuto un drone con un barattolo di pomodori.

 

Come sono stati presi i carri armati nemici, i mezzi corazzati, gli elicotteri e le granate durante l’occupazione.

 

Come abbiamo raccolto fondi per cacciare droni, navi, veicoli blindati. 

Come abbiamo resistito a tutte le minacce, ai bombardamenti, alle bombe a grappolo, ai missili da crociera, al buio e al freddo. 

Come ci siamo sostenuti a vicenda.

 

In guerra tutti sono importanti.

 

Chi ha in mano un’arma, il volante di un’auto, il timone di una nave o di un aereo, un bisturi o un puntatore. Chi sta dietro a un computer portatile, chi guida una mietitrebbia o un treno. Chi si trova a un posto di blocco o a una centrale elettrica. Giornalisti e diplomatici, lavoratori dei servizi pubblici e soccorritori. Tutti. Chi lavora. Chi studia all’università o a scuola. E anche chi sta solo imparando a camminare.

 

Tutto questo è per il loro bene. I nostri figli. La nostra gente. Il nostro paese.

 

Non ci sono questioni di poco conto in una grande guerra. Non ce ne sono di inutili. Ognuno di noi è un combattente. Ognuno di noi è un fronte. Ognuno di noi è la base della difesa.

 

Combattiamo come un’unica squadra – l’intero paese, tutte le nostre regioni. Vi ammiro tutti. Voglio ringraziare ogni invincibile regione dell’Ucraina.

 

Il nostro Paese ha sempre celebrato l’inizio del nuovo anno, anche in tempi molto difficili. E’sempre stata la festa preferita da tutti e ha il magico potere di rivelare il meglio delle persone, di esaltare l’importanza dei valori tradizionali della famiglia, l’energia della gentilezza, della generosità e della fiducia. Con l’arrivo del nuovo anno, tutti si sforzano di dare gioia ai propri cari, di mostrare loro attenzione e calore, di fare i regali che hanno sognato, di vedere la gioia negli occhi dei bambini e la commovente gratitudine dei genitori per le nostre attenzioni. La generazione più anziana sa come apprezzare questi momenti di felicità.


Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

 


lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT