lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
23.12.2022 Senza l’America vince la dittatura, scrive Robert Kagan
Commento di Claudio Cerasa

Testata: Il Foglio
Data: 23 dicembre 2022
Pagina: 1
Autore: Claudio Cerasa
Titolo: «La filosofia della forza»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 23/12/2022, a pag. 1, con il titolo 'La filosofia della forza' il commento del direttore Claudio Cerasa.

ClaudioCerasa
Claudio Cerasa

Nel bellissimo discorso pronunciato da Volodymyr Zelensky al Congresso americano, che trovate oggi integralmente sul nostro giornale, c’è un passaggio che merita di essere segnalato, oltre a quello natalizio che trovate nella nostra prima pagina speciale, ed è quello che che riguarda un elemento essenziale nella difesa dei confini dell’Ucraina: il formidabile ritorno dell’America come paese chiave nella difesa della libertà mondiale. “Gli americani – ha detto Zelensky – sono riusciti a unire la comunità internazionale per proteggere la libertà e il diritto internazionale: la tirannia russa ha perso il controllo su di noi e non influenzerà mai più le nostre menti”. E ancora: “Il vostro denaro non è beneficenza. E’ un investimento nella sicurezza globale e nella democrazia che gestiamo nel modo più responsabile”. Già, ma cosa vuol dire, concretamente, avere un’America che considera la difesa del mondo libero come un tratto essenziale della difesa della sicurezza nazionale? Robert Kagan, eccezionale storico e politologo statunitense, membro del think tank Brookings Institution, grande esperto di politica estera e responsabile per gli Affari europei e asiatici dell’Amministrazione Obama, ha dedicato a questo tema un saggio chilometrico sul nuovo numero di Foreign Affairs e ha provato con ottimi argomenti a ragionare sul perché la difesa dell’Ucraina, da dieci mesi a questa parte, somigli sempre di più, ogni giorno di più, alla difesa dell’egemonia liberale. Quando il senatore repubblicano Mitch McConnell e altri, scrive Kagan, affermano che gli Stati Uniti hanno un interesse vitale in Ucraina non intendono dire che gli Stati Uniti saranno direttamente minacciati se l’Ucraina dovesse cadere. Intendono dire una cosa più importante: che se l’Ucraina dovesse cadere, l’ordine mondiale liberale sarebbe gravemente minacciato. Kagan sostiene che quello che sta accadendo a Kyiv segna uno spartiacque culturalmente importante per la politica americana. Per una dozzina di anni, prima dell’invasione della Russia, sia Barack Obama prima sia Donald Trump poi hanno cercato di ridurre gli impegni degli Stati Uniti all’estero e la maggioranza degli americani, scrive sempre Kagan, ha considerato per molto tempo necessario per l’America occuparsi dei propri affari a livello internazionale e lasciare che gli altri paesi se la cavassero da soli.

Biden, Zelensky exchange military items during White House visit | The Hill
Volodymyr Zelensky con Joe Biden

E’ il “leading from behind” di Obama. E l’America First di Trump. Eppure, oggi, l’America di Joe Biden, improvvisamente, si trova impegnata in una guerra contro una grande potenza aggressiva in Europa, la Russia, e ha promesso di difendere, in caso di attacco, un’altra piccola nazione democratica, Taiwan, dal non impossibile attacco della Cina. E’ un colpo di frusta, è un ribaltamento di idee, è una rivoluzione culturale grazie alla quale oggi l’America può affermare che non esiste America First, per l’America, senza difendere i confini di ciò che la più grande democrazia del mondo è chiamata a difendere: la libertà (nel 1940, ricorda Kagan, Roosevelt disse agli americani, prima di entrare in guerra, che il suo paese non poteva permettersi di diventare un’“isola solitaria” in un mondo dominato dalla “filosofia della forza”). La consapevolezza di ciò che sta succedendo in Ucraina e la popolarità assunta dall’iniziativa americana permettono dunque di capire qual è la vera posta in gioco, oggi, e consentono di capire che la sicurezza del mondo è messa a repentaglio non dall’attivismo americano ma dalla sua pericolosa assenza. “La traiettoria naturale della storia in assenza della leadership americana è stata perfettamente evidente: porta alla diffusione della dittatura e al continuo conflitto tra grandi potenze. Il conflitto tra grandi potenze e la dittatura sono stati la norma nel corso della storia umana. E se gli Stati Uniti dovessero ridurre il loro coinvolgimento nel mondo, le conseguenze per l’Europa e l’Asia non sono difficili da prevedere”. Un mondo con più America è un mondo più sicuro. Un mondo senza America è un mondo meno sicuro. Un bel problema per tutti i pacifisti che negli ultimi decenni hanno cercato di dimostrare quanto l’insicurezza del mondo fosse direttamente collegata alla scelta dell’America di difendere nel mondo la democrazia, a costo anche di esportarla. God Bless America.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT