lunedi` 15 aprile 2024
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE

vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Non dimenticheremo mail gli orrori del 7 ottobre (a cura di Giorgio Pavoncello) 15/01/2024


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
03.12.2022 I silenzi della destra su Teheran
Salvini e Meloni che cosa pensano dell’Iran?

Testata: Il Foglio
Data: 03 dicembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «I silenzi della destra su Teheran»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 03/12/2022, a pag. 3 l'editoriale "I silenzi della destra su Teheran".

Proteste, ong Iran Human Rights:
Proteste contro il regime iraniano

Perché la guerra fredda tra Giorgia Meloni e Matteo Salvini può far  esplodere la destra

Un piano per concedere accoglienza e protezione ai profughi iraniani in fuga dal loro paese in rivolta. La proposta non viene da qualche bieco globalista sorosiano, desideroso di applicare piani di sostituzione etnica o di allestire un esercito industriale di riserva, come subito direbbero i sovranisti di casa nostra. A chiedere al governo federale tedesco di applicare questa misura è il leader della Cdu, Friedrich Merz. E verrebbe dunque da chiedere se non fosse un’ipotesi che anche a Palazzo Chigi dovrebbe essere seriamente valutata, anche alla luce delle parole di quell’Antonio Tajani che, interrogato da Repubblica sul fatto che Francia e Germania ospitano più migranti dell’Italia, risponde che “quando le richieste di asilo arrivano da ingegneri siriani è più facile”. Forse che a Teheran non ci sono ingegneri in cerca di sicurezza? E forse aprire un dibattito sull’Iran in seno al governo aiuterebbe anche a illuminare le divergenze che ci sono nella destra. Quando un attacco mirato americano uccise il generale iraniano Qassem Suleimani, nel gennaio 2020, Matteo Salvini e Giorgia Meloni entrarono in collisione: il primo applaudì Trump per avere “eliminato uno degli uomini più pericolosi e spietati al mondo, un terrorista islamico, alla faccia dei pavidi in Italia e in Ue”, la seconda avvertì che “una escalation delle tensioni in medio oriente non è nell’interesse dell’Italia”. Quando poi, nella primavera del 2021, il meloniano Adolfo Urso ambiva alla poltrona del Copasir, il capo del Carroccio sentenziò così: “Gli amici dell’Iran non sono miei amici”, alludendo a vecchie relazioni di un’azienda guidata da Urso che faceva affari anche nella Repubblica islamica. Solo che Urso ora è seduto nello stesso Cdm di Salvini, e chissà se nel frattempo abbia saputo guadagnarsi la sua amicizia. Di certo c’è che un chiarimento sull’Iran, nel centrodestra, non farebbe male.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT