sabato 10 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
22.11.2022 L’asse Russia Iran
L'accordo di due dittature

Testata: Il Foglio
Data: 22 novembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’asse dell’opportunismo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 22/11/2022, a pag.3, l'editoriale "L’asse dell’opportunismo".

Russia-Iran, aerei senza pilota per distruggere la libertà ucraina -  l'occidentale
Vladimir Putin con l'iraniano Raisi: due pericolosi dittatori

Mosca e Teheran hanno raggiunto un accordo che consentirà all’Iran di iniziare a produrre droni in Russia. Il Washington Post ha rivelato che l’intesa è stata raggiunta ai primi di novembre, dopo un mese in cui l’esercito russo ha usato le armi iraniane per i bombardamenti feroci contro tutto il territorio ucraino. La cooperazione è risultata vantaggiosa per le due parti e ora avrebbero deciso di ampliarla: la Russia ha bisogno di armi e l’Iran ha bisogno di soldi, le due necessità si incontrano e portano alla stipulazione di questo accordo che si inserisce nelle dinamiche della guerra in Ucraina. Kyiv ha bisogno di proteggere i suoi cieli e un grande aiuto potrebbe arrivarle da Israele, che ha tra i migliori sistemi di difesa antimissilistica al mondo, per questo l’Ucraina, a più riprese, ha cercato di sensibilizzare Gerusalemme sulla presenza delle armi iraniane. Ma che l’Iran stia cooperando con la Russia per la costruzione di droni non cambia molto, secondo Israele, e pure sul campo di battaglia inserisce un fattore sì pericoloso, ma che alle lunga funziona più per fiaccare il morale che l’esercito. La produzione non partirà immediatamente e inoltre i droni non sono neppure propriamente droni, ma “munizioni vaganti”, meno complesse di un drone, ma anche più immediate da usare: non c’è bisogno della stessa catena di personale, né di corsi e per costruirle, ha fatto sapere al Jerusalem Post un ex ufficiale dell’intelligence militare israeliana, si possono usare componenti poco sofisticate che si trovano anche su eBay, quindi a prova di sanzioni. Israele difficilmente vorrà essere coinvolta nella guerra in Ucraina più di quanto non lo sia già, e non vede l’asse russo-iraniano come una minaccia diretta verso di lei. La sostanza di questa amicizia è fatta di necessità reciproca, sotto molti aspetti i due paesi sono opposti, anche dal punto di vista ideologico.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT