sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
16.11.2022 Il potere russo vacilla
Analisi di Giuliano Ferrara

Testata: Il Foglio
Data: 16 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Giuliano Ferrara
Titolo: «Grand Guignol moscovita»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi 16/11/2022, a pag.1 con il titolo "Grand Guignol moscovita" l'analisi di Giuliano Ferrara.

Chi è Giuliano Ferrara, malattia, figli, moglie, dove vive: perchè è  dimagrito - Il Giornale d'Italia
Giuliano Ferrara

Putin, la minaccia della terza guerra mondiale, l'Europa e la Nato -  Formiche.net
Vladimir Putin

Che cosa stia davvero succedendo in Ucraina, dopo la fuga russa da Kherson (non è stata una ritirata, è stata una fuga), dopo la ripresa dei bombardamenti su vasta scala contro Kyiv e altri centri e infrastrutture, dopo le notizie di ulteriori avanzate sul fronte sudorientale della guerra oltre Kherson, difficilissimo a dirsi. Nebbia. E’ però assodato che tecnologie occidentali, sanzioni e coraggio combattente dell’esercito ucraino hanno inferto un colpo quasi decisivo all’armata d’invasione di Putin e allo schema strategico con cui la guerra si era iniziata nel febbraio scorso. Due elementi depongono a favore della precipitazione di una seria crisi del potere russo, di Putin e del suo circolo di comando. Il primo è di grande politica internazionale. Nonostante oscillazioni cinesi sulla stesura del documento finale del G20, la firma di Xi sotto il pronunciamento unanime ostile all’uso bellico del nucleare ha il sapore di una callida apertura alla crisi del Cremlino, segnandone l’isolamento. Il rischio nucleare era il compagno segreto di tutta l’avventura ucraina, ed era brandito come segnacolo di resa alla prepotenza russa da tutti gli alleati, anche i più frivoli e chiacchieroni, dell’armata d’invasione. Che questo segnacolo sia ammainato dopo la liberazione di Kherson, dopo l’annuncio del recupero di metà del territorio invaso, dopo il sostanziale fallimento della messinscena dell’annessione del Donbas, in assenza inspiegabile di Putin tra gli interlocutori, è molto significativo. Putin è privato della sua estrema minacciosa risorsa, che è sempre parsa un bluff a chi ragionava a occhi aperti ma che era comunque una variante apocalittica all’ombra della quale le operazioni speciali di tentata annessione e di distruzione dell’identità del paese invaso stavano procedendo. Ma non basta. Un letterato insigne, e grande traduttore dal russo, un ceco-francese di origini russe, georgiane e polacche, André Marcowicz, racconta e mette a fuoco il secondo elemento: la disgregazione del potere unico di comando dell’autocrate in progressiva disgrazia, il dissolversi delle regole minime di coesione di uno stato dittatoriale e delle sue ambizioni neoimperialistiche.

Why Ukraine membership of the European Union is not easy

L’ideologo Dugin ha usato una metafora del celebre antropologo James Frazer in un post, subito cancellato ma intanto reso noto, contro Putin. Un apologo piuttosto chiaro: la comunità si sacrifica per l’albero della pioggia, lo sacralizza, ma se non piove si rivolta contro l’albero e lo abbatte. Il cuoco di Putin, Evgenij Prigozhin, fondatore del gruppo Wagner, si è permesso anche di più, se vogliamo. Ha sputtanato chilometriche smentite di stato sull’interferenza nelle elezioni americane, vantandosi di averle orchestrate e promettendo nuovi capitoli. Ha imposto l’arruolamento di criminali incarcerati nell’esercito, disponendo a suo piacimento di uno strumento cruciale come quello della mobilitazione, e ha diffuso un video in cui uno di loro, arreso agli ucraini che lo avevano catturato e poi rapito dai wagneriani, viene ucciso a sassate, con il cuoco che commenta l’efferata crudeltà della punizione con queste parole: “Preferirei guardare questa storia a teatro. Per quanto riguarda il lapidato, lo spettacolo mostra che non ha trovato benessere e felicità in Ucraina, piuttosto ha trovato gente non dotata di bontà ma giusta. Mi pare che il film possa titolarsi così: ‘A cane, morte da cane’. Messa in scena impeccabile, si guarda col fiato sospeso. Spero che durante le riprese nessun animale sia stato ferito”. Il Grand Guignol di Dugin e Prigozhin si collega, nelle corrispondenze di Marcowicz, alle notizie che si moltiplicano sul totale invasamento anarchico delle truppe di occupazione e di invasione, sulla viltà della catena di comando, rimaneggiata brutalmente più volte, e la forsennata malignità di sorte toccata ai soldati russi e da questi fatta toccare a civili e soldati ucraini. Il fatto che si rendano pubbliche prese di posizione selvagge, e che oggi avvenga quello che non era mai avvenuto quando gli eurasiatici o i wagneriani fiancheggiavano la altrettanto selvaggia guerra siriana di Putin, dice che il cuore dello stato e del potere russo è periclitante, se non già spento. La Nato con le sue catene informative e le sue armi di precisione potrebbe mettere la parola fine all’invasione in poco tempo, sostenendo più a fondo l’esercito ucraino, mentre centellina gli sforzi bellici per non affacciarsi su un vuoto di potere che sa di ignoto e di temibile dal punto di vista dell’equilibrio generale: insomma, ci sono voci lucide e informate che danno per finita l’avventura cominciata nel febbraio. E quando un’avventura finisce non si sa come va a finire.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT