sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.11.2022 Dov’è finito Putin?
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 11 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «Dov’è finito Putin?»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 11/11/2022, a pag. 1, con il titolo "Dov’è finito Putin?", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. Il 4 novembre in Russia si celebra la festa dell’unità nazionale e il presidente Vladimir Putin aveva partecipato a una serie di incontri. Era stata una giornata piuttosto impegnativa e si era conclusa con un suo discorso storico, mentre parlava aveva alle spalle una mappa della Russia molto grande. Non era la solita nazione che siamo abituati a considerare, era “aggiornata”: comprendeva i territori occupati dell’Ucraina che Mosca ha annesso a fine settembre dopo un referendum farsa che ha valore soltanto per il Cremlino. Su quella mappa, c’era anche la città di Kherson, l’unico capoluogo regionale conquistato dall’esercito russo dall’inizio dell’invasione, e dal quale il ministero della Difesa ha ordinato un “ritiro immediato”. Sono quattro le oblast che sono state annesse e per celebrare la loro unione alla Russia, Putin aveva accolto i loro governatori al Cremlino. Durante la cerimonia, con foto di rito con mani unite a simboleggiare l’inossidabile legame fra tutte le Russie, Putin aveva detto che le autorità di Kyiv e “i loro veri padroni in occidente” avrebbero dovuto ascoltarlo per bene e ricordare che “le persone che vivono a Luhansk e Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia sono nostri cittadini. Per sempre”. Aveva anche sottolineato che avrebbe fatto di tutto per difendere i suoi territori nei confini della Russia, quella di ieri e quella di oggi, con ogni risorsa. L’annuncio del ritiro da Kherson è clamoroso – la cautela che gli ucraini e i loro alleati stanno manifestando è ragionevole – e contraddice una delle promesse del presidente russo di prendersi cura delle sue frontiere. Dopo aver sbraitato e minacciato per settimane, quando il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, e il generale Sergei Surovikin hanno annunciato il ritiro, il presidente non ha parlato e tutti continuano a domandarsi come possa accettare l’abbandono di una città strategica e simbolica. Putin ha trascorso la giornata di mercoledì in eventi che nulla avevano a che fare con la guerra e ieri né un commento, né un cenno: è tornato nel bunker in cui si rifugia ogni volta che è in difficoltà e che gli è valso il nomignolo di “nonno nel bunker” o, in alternativa, “il bunkerato”. I rapporti che arrivano dalle regioni occupate parlano di problemi con la corrente, di una grande confusione sulla moneta, di problemi con la sim da inserire nei telefoni e di funzionari che non si trovano: molti hanno paura di essere uccisi. Il motto utilizzato da Mosca in questi territori, illustrato da manifesti e bandiere, era “la Russia è qui per sempre”, ma questi mesi non sono stati promettenti. Per quanto Putin dicesse di tenere a quei territori, non ha mai dimostrato una particolare cura nei loro confronti. Dall’inizio dell’invasione, l’intelligence britannica e fonti interne all’esercito russo avevano raccontato che Putin dirige le operazioni sul terreno e svolge compiti che di solito appartengono a un colonnello o comandante di brigata: se la gestione è pessima, dicevano questi resoconti, la colpa è tutta di Putin. Da alcune settimane i generali chiedevano una riorganizzazione a Kherson e alcuni funzionari erano stati incaricati di redigere un manuale per preparare il pubblico a un eventuale ritiro. Putin aveva sempre opposto resistenza e il fatto che si sia lasciato convincere potrebbe indicare che ha finalmente capito che la guerra va lasciata ai generali. Per questo sarebbe scomparso, avrebbe lasciato a loro la responsabilità dell’annuncio amaro e la futura gestione della guerra che, dal punto di vista anche dei più falchi, per essere portata avanti va riorganizzata e va trovato il tempo per farlo. La ritirata da Kherson può essere venduta anche sul piano internazionale come gesto di buona volontà nei confronti dell’Ucraina, che possa portare a una tregua. Questo è il timore di Kyiv: che i suoi alleati si accontentino e aprano a una tregua che consentirà alla Russia di riorganizzarsi e, con linee diverse e forze invertite, potrebbero riportare il paese al 2014, quando la guerra nel Donbas si fece a bassa intensità, con violazioni di cessate il fuoco, negoziati fiacchi e una Russia che dopo qualche rimbrotto continuava a essere un partner per l’occidente. Putin lascia che siano gli altri a gestire la situazione, a fare annunci sgradevoli, a parlare di tregua, di colloqui, di negoziati, a contraddire le sue promesse. Non andrà neppure a Bali al vertice del G20, dove addirittura aveva detto che sarebbe stato disposto a incontrare il presidente americano Joe Biden. Se ne starà per un po’ nel bunker a curare la sua trasformazione da condottiero a presidente che vuole la pace.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT