domenica 04 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
11.11.2022 L’Anpi non ha ancora fatto i conti col comunismo
Commento di Luciano Capone

Testata: Il Foglio
Data: 11 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Luciano Capone
Titolo: «L’Anpi non ha ancora fatto i conti col comunismo»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 11/11/2022, a pag. 1 l'analisi di Luciano Capone dal titolo "L’Anpi non ha ancora fatto i conti col comunismo".

L’arrivo di Giorgia Meloni al governo ci ha fatto scoprire con somma sorpresa, dopo trentatré anni, che anche il crollo del Muro di Berlino è diventato “divisivo”. Il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara, in occasione del Giorno della libertà istituito dal Parlamento, ha inviato una lettera agli studenti per riflettere sull’“evento simbolo del collasso del blocco sovietico, della fine della Guerra fredda e della riunificazione della Germania e dell’Europa”. Valditara scrive che “il comunismo è stato uno dei grandi protagonisti del ventesimo secolo… e minimizzarne o banalizzarne l’immenso impatto storico sarebbe un grave errore intellettuale”, ma dove è riuscito a imporsi ha portato “annientamento delle libertà individuali, persecuzioni, povertà, morte”. In questo senso, il crollo del Muro di Berlino il 9 novembre del 1989 significa l’arrivo della libertà per la metà dell’Europa orientale che era “soffocata dal dispotismo” e pertanto quella data “non può che essere una festa della nostra liberaldemocrazia”. Il ministro è stato attaccato dal Pd, che con la presidente dei senatori Simona Malpezzi lo ha accusato di fare “propaganda” con “una lettura strumentale della caduta del Muro di Berlino”. Ma con più veemenza dell’opposizione, contro il ministro si è scagliata l’Anpi. Il presidente dell’associazione dei partigiani, il già cossuttiano Gianfranco Pagliarulo, ha detto che la lettera di Valditara “è un dotto manifesto anticomunista”. Come se essere anticomunisti, nello specifico contro la dittatura sovietica, fosse un’indecenza. Inoltre, Pagliarulo ha accusato Valditara di non aver ricordato anche che “il 9 novembre è la giornata mondiale contro il fascismo e l’antisemitismo”, in quanto anniversario del pogrom nazista della Notte dei cristalli del 1938. L’attacco è pretestuoso per due motivi. Il primo è che questa omissione, il non aver ricordato anche la Notte dei cristalli, non è mai stata rinfacciata né dall’Anpi né da altri ai presidenti della Repubblica, da Sergio Mattarella a Giorgio Napolitano solo per stare agli ultimi due, per le loro commemorazioni della caduta del Muro. Entrambi hanno ricordato l’importanza di questa ricorrenza per l’avanzata della libertà, la sconfitta del totalitarismo comunista e l’unità democratica dell’Europa. Nessuno di loro ha mai fatto un cenno al pogrom del 1938, perché ci sono altre occasioni in cui le istituzioni commemorano le vittime dell’Olocausto, la lotta all’antisemitismo e al nazifascismo (27 gennaio e 25 aprile). Il 9 novembre 2016, ad esempio, la presidente della Camera Laura Boldrini celebrò il Giorno della libertà, certo senza grandi condanne del comunismo e della dittatura sovietica come ha fatto Valditara (questione di diverse sensibilità politiche, probabilmente), ma neppure lei ricordò la Notte dei cristalli. Eppure in quell’occasione non risultano comunicati né reazioni sdegnate dell’Anpi contro le “rimozioni” di Boldrini. Ma il motivo per cui l’indignazione dell’Anpi è pretestuosa è che se l’accusa a Valditara è di aver ricordato solo una delle due ricorrenze, si presupporrebbe che l’Anpi le abbia rievocate entrambe. E invece l’altro ieri, il 9 novembre, l’Anpi non ha ricordato né la caduta del Muro di Berlino né la Notte dei cristalli. Insomma, viene il sospetto che al cossuttiano Pagliarulo abbia semplicemente dato fastidio la condanna del comunismo. Ed è questo il problema.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT