sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.11.2022 In cambio dei droni Putin spedisce in Iran le armi occidentali catturate
Analisi di Cecilia Sala

Testata: Il Foglio
Data: 10 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Cecilia Sala
Titolo: «I pasdaran ci studiano»
Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 10/11/2022, a pag.1, con il titolo "I pasdaran ci studiano", l'analisi di Cecilia Sala.

Cecilia Sala (@ceciliasala) | Twitter
Cecilia Sala

Iran: un regime criminale, terrorista e antisemita

Roma. Ieri il capo del Consiglio di sicurezza russo è andato a trovare il suo omologo a Teheran. Poche ore prima avevamo scoperto che – oltre a 140 milioni di euro – i russi hanno pagato i droni iraniani Shahed spedendo a Teheran una “selezione” di armi inglesi e americane che hanno catturato sul campo negli ultimi mesi di guerra in Ucraina. Sono armi che la Repubblica islamica non conosceva e che adesso può studiare, con tre obiettivi: provare a imitarle, scoprire i punti deboli per progettare sistemi capaci di distruggerle, imparare a difendersi dai colpi che sparano. Uno scenario come questo è esattamente il motivo per cui Israele non ha mai mandato aiuti militari a Kyiv. Un aereo da trasporto di Mosca è partito nella notte ed è atterrato all’aeroporto internazionale di Teheran all’alba del 20 agosto. Il carico erano delle scatole con dentro i milioni in contanti e poi degli Nlaw, i missili spalleggiabili anti carro inglesi, oltre agli omologhi americani Javelin e agli Stinger, che sono sempre prodotti negli Stati Uniti ma si usano contro gli aerei: sono l’oggetto più interessante dei tre agli occhi dei pasdaran. I Guardiani della rivoluzione non temono attacchi di terra alla Repubblica islamica, i pericoli semmai potrebbero essere le bombe dal cielo: contro dei siti strategici come quelli dove si lavora alla tecnologia per il programma nucleare e alla progettazione di droni e missili balistici. I pasdaran sono bersagli esposti ai bombardamenti aerei nemici soprattutto all’estero, nei paesi della regione dove sono presenti le loro forze speciali Quds, come la Siria. Che oltre ai soldi ci fosse questa forma di baratto lo ha rivelato all’inglese Sky News una fonte secondo la quale dobbiamo aspettarci che i pasdaran usino i metodi dell’ingegneria inversa per scoprire i segreti di fabbricazione di queste armi e poi “le utilizzi in guerre future”. L’Iran ha già mandato alla Russia almeno 160 droni ma, secondo la stessa fonte, ci sarebbe un accordo tra Mosca e Teheran per una nuova fornitura da 200 milioni di euro concordata tra i due paesi solo pochi giorni fa. Questa versione contraddice quello che il ministro degli Esteri della Repubblica islamica, Hossein Amir-Abdollahian, aveva detto sabato.

Putin: “Rischi di conflitto mondiale alto”. Mosca: “Roma ostile” | Oggi
Vladimir Putin

Amir-Abdollahian aveva ripetuto la posizione classica della diplomazia di Teheran: l’Iran vuole la fine della guerra, non sta con Vladimir Putin ma chiede a entrambe le parti di porre fine al conflitto, e dice che l’aggressione deve fermarsi ma anche che chi l’avrebbe provocata (la Nato) deve concedere qualcosa al Cremlino. Ma poi il ministro aveva parlato (per la prima volta) dei droni dati a Mosca, dicendo che si trattava di un accordo per la fornitura di armi sottoscritto prima del 24 febbraio, il primo giorno dell’invasione. Effettivamente gli analisti militari che si occupano di Iran parlavano di una partita di droni da vendere a Putin già prima della guerra. L’ultima dichiarazione di Amir-Abdollahian è anche la più interessante: l’Iran ha spedito i droni sulla base di un accordo preesistente, ma un accordo sui missili (di cui Putin avrebbe un gran bisogno) non c’era e non c’è, quindi non li manderemo. Il ministro degli Esteri ha fatto un passo in più, si è appellato al presidente ucraino Zelensky e gli ha chiesto, nel caso lui avesse le prove del contrario, di dargliele. Ha deciso di esporsi e sa che, se poi quel carico di missili iraniani decollerà effettivamente per la Russia, lui farà la figura di quello tagliato fuori dai giochi. Forse è per questo che, nonostante il veto di Germania e Stati Uniti, gli ucraini volevano che una loro delegazione incontrasse una delegazione iraniana in un paese europeo. Kyiv annusa le spaccature che attraversano la Repubblica islamica e forse vuole provare a sfruttarle a proprio vantaggio, per esempio per avere informazioni in anticipo su questioni sensibili come l’invio di missili di precisione, che cambierebbero la guerra. Ma è un gioco scivoloso.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT