sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
10.11.2022 Una trappola di Putin?
Analisi di Micol Flammini

Testata: Il Foglio
Data: 10 novembre 2022
Pagina: 1
Autore: Micol Flammini
Titolo: «La Russia annuncia un ritiro da Kherson, quindi da se stessa»

Riprendiamo dal FOGLIO  di oggi, 10/11/2022, a pag. 1, con il titolo "La Russia annuncia un ritiro da Kherson, quindi da se stessa", l'analisi di Micol Flammini.

Risultati immagini per micol flammini
Micol Flammini

Ucraina: Putin come Hitler? — L'Indro

Roma. Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha ordinato la ritirata delle truppe russe da Kherson verso nuove posizioni sulla sponda orientale del fiume Dnipro. La mossa è stata annunciata dopo che il generale Sergei Surovikin, comandante delle forze russe in Ucraina, aveva parlato di una decisione difficile ma necessaria a “preservare la vita dei soldati e la loro capacità di combattimento”. Surovikin ha detto che l’Ucraina non ha abbandonato la sua offensiva, che in realtà è rallentata nelle ultime settimane, e continua a colpire; gli uomini di Mosca hanno resistito causando un numero molto alto di vittime – da agosto a ottobre, secondo il generale, l’esercito di Kyiv avrebbe perso circa 9,5 mila soldati – ma è arrivato il momento di spostarsi. Poche ore prima che il ministro e il generale facessero l’annuncio della ritirata, era arrivata una notizia i cui contorni rimangono ancora poco definiti: il vicegovernatore di Kherson, Kirill Stremousov, è morto in un incidente d’auto. Stremousov era il volto dell’occupazione, era stato lui a firmare l’accordo di annessione, era stato prima un fedelissimo dell’ex presidente appoggiato dal Cremlino, Viktor Yanukovich, ed era lui che si occupava di dare gli annunci più importanti alla popolazione, come quello relativo all’evacuazione. Non sono uscite foto che testimonino l’incidente né conferme da parte di fonti di intelligence di altri paesi. Il ritiro da Kherson è di grande importanza strategica e simbolica, è il primo capoluogo occupato da Mosca all’inizio dell’invasione, è parte dei territori che la Russia ha annesso in modo illegittimo a fine settembre, è fondamentale per l’accesso al Mar Nero, per la costituzione di un ponte di terra dalla Russia alla Crimea e per rifornire la penisola di acqua. Per questo gli ucraini avrebbero scommesso che Vladimir Putin avrebbe speso fino all’ultimo uomo per difendere Kherson. Con la fuga ordinata iniziata due settimane fa, la città fantasma senza cittadini e con pochi soldati, le spoglie trafugate di Grigori Potemkin, l’uomo e probabilmente amante, a cui la zarina Caterina II aveva affidato la politica in Crimea, Mosca ha mandato segnali talmente scenografici per comunicare le sue intenzioni, che gli ucraini li hanno accolti con molto scetticismo. Andri Yermak, uno dei funzionari più vicini al presidente Volodymyr Zelensky, ha lasciato intendere che non ha intenzione di fidarsi: “Qualcuno pensa sia una mossa astuta, ma noi siamo un passo avanti”. Zelensky ha detto che il ritiro da Kherson non apre a un negoziato con la Russia, rispondendo alla portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, che aveva annunciato: “La Russia è pronta a negoziare con l’Ucraina tenendo conto delle realtà che si stanno sviluppando”. A Kherson Mosca ha schierato i suoi uomini migliori, soldati che sanno combattere, e Kyiv ha iniziato una controffensiva sapendo che sarebbe stata particolarmente sanguinosa. E’ uno dei posti in cui Mosca è stata più a lungo, è riuscita a creare una rete di contatti, e di traditori, stabile. Anche l’attività partigiana è stata sorprendente, ma il governo ucraino non sa fino in fondo cosa possa attenderlo a Kherson: teme una trappola. Putin ha lasciato dare l’annuncio al suo generale più stimato, che ha fama di essere particolarmente brutale: un uomo poco adatto ad annunciare un ritiro. A lui sono arrivate le congratulazioni del leader ceceno Ramzan Kadyrov, che è sempre stato a sostegno di un’operazione su vasta scala, senza arretramenti, senza indugi, costi quel che costi fino a Kyiv. Il messaggio a favore del ritiro, che inizierà “il prima possibile”, ha avuto il suono di una beffa, una stonatura, il segnale che gli ucraini fanno bene a essere scettici. Anche la Nato ha risposto con cautela: aspettiamo. Nelle ore in cui Mosca annunciava il ritiro da un territorio che considera suo, Putin era al Cremlino a parlare d’altro: accoglieva il capo dell’istituto nazionale di salute pubblica.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT