sabato 03 dicembre 2022
CHI SIAMO SUGGERIMENTI IMMAGINI RASSEGNA STAMPA RUBRICHE STORIA
I numeri telefonici delle redazioni
dei principali telegiornali italiani.
--int(0)
Stampa articolo
Ingrandisci articolo
Clicca su e-mail per inviare a chi vuoi la pagina che hai appena letto
Caro/a abbonato/a,
CLICCA QUI per vedere
la HOME PAGE
Segui la rubrica dei lettori?
vai alla pagina twitter
CLICCA QUI per vedere il VIDEO

Dubai ricorda la Notte dei Cristalli (sottotitoli italiani a cura di Giorgio Pavoncello)


Clicca qui






Il Foglio Rassegna Stampa
08.11.2022 L’Onu antisemita, non è una novità
Si schiera contro la definizione IHRA

Testata: Il Foglio
Data: 08 novembre 2022
Pagina: 3
Autore: la redazione del Foglio
Titolo: «L’Onu antisemita, non è una novità»

Riprendiamo dal FOGLIO di oggi, 08/11/2022, a pag. 3, l'editoriale "L’Onu antisemita, non è una novità".

Vertice Onu su Biodiversità, ancora un rinvio - Ordine Nazionale dei Biologi

La campagna internazionale per l’adozione della definizione di antisemitismo dell’Alleanza per la memoria dell’Olocausto (Ihra) dovrebbe essere sospesa, ha detto all’Assemblea generale il relatore speciale delle Nazioni Unite sul razzismo Tendayi Achiume. “Controversa, divisiva e negativa”, così Achiume descrive la definizione dell’Ihra sull’antisemitismo. La dichiarazione contro la definizione adottata da almeno trentotto paesi è stata respinta da Stati Uniti, Canada e Israele, nonché dall’Unione europea. Un inviato degli Stati Uniti ha accusato il rapporto di Achiume di “politicizzare la definizione dell’Ihra”, perché includerebbe nello spettro dell’antisemitismo anche certe critiche a Israele.

L'International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) adotta una  definizione internazionale di antiziganismo - UNAR

L’Ihra mette all’indice una serie di manifestazioni dell’antisemitismo contemporaneo, a partire dal negazionismo e passando per l’incitare, sostenere o giustificare l’uccisione o la violenza contro gli ebrei; accusare dei cittadini ebrei di essere più leali a Israele, o a supposte priorità degli ebrei in tutto il mondo, che agli interessi della loro stessa nazione; sostenere tesi mendaci, disumanizzanti, demonizzanti o stereotipate sugli ebrei in quanto tali o sul potere degli ebrei come collettività; negare al popolo ebraico il suo diritto all’autodeterminazione, cioè sostenere che l’esistenza d’Israele è un atto di razzismo; oppure ritenere gli ebrei collettivamente responsabili per le azioni d’Israele. Non è un testo vincolante, ma è un quadro giuridico, morale e politico indispensabile per combattere una piovra planetaria dai molti tentacoli. E l’Onu dovrebbe essere più cauta sull’antisemitismo. Il 10 novembre 1975 l’Assemblea generale adottò la risoluzione 3379 in cui si sanciva che “il sionismo è una forma di razzismo”. Ci vorranno ben sedici anni per abrogarla. Ma il suo spirito sembra aleggiare ancora nel Palazzo di vetro.

Per inviare al Foglio la propria opinione, telefonare: 06/5890901, oppure cliccare sulla e-mail sottostante

lettere@ilfoglio.it

Condividi sui social network:



Se ritieni questa pagina importante, mandala a tutti i tuoi amici cliccando qui

www.jerusalemonline.com
SCRIVI A IC RISPONDE DEBORAH FAIT